BCC_Ostra_Vetere.jpg

Login

Chi è online

 626 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Fatti nostri
a MONTENOVO i fatti nostri del 27 giugno PDF Stampa E-mail
Martedì 27 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 27 giugno1837 – Quarta recita al Teatro Condominiale di Montenovo con la rappresentazione della “Vita, martiri, miracoli, morte, e gloria di santa Filomena” che fu gradita molto per come rappresentata, ma la composizione restò alquanto criticata. Fu pienissimo il Teatro e riscosse alla porta scudi 3. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, pp. 116-117).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie,

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 26 giugno PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 26 giugno1837 - Terza recita al Teatro Condominiale di Montenovo, dove fu rappresentata la commedia brillante “Il trionfo del bel sesso” che fu gradita molto. Riscosse alla porta scudi 2.33. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, p. 116).

1978 - Don Pietro Bonucci, nato a Arcevia il 19 marzo 1910 e proveniente da Senigallia il 24 aprile 1940, per tanti anni abate parroco dell’Abbazia di Santa Maria Annunziata di Piazza, morì il 26 giugno 1978 (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/comunicati/37242-ostra-vetere-anniversario-della-nascita-dellabate-don-pietro-bonucci).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 25 giugno PDF Stampa E-mail
Domenica 25 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 25 giugno1837 - Seconda recita al Teatro Condominiale in cui venne rappresentato “Il Discolo, e l'Ipocrita”, opera buffa che restò gradita assai e riscosse alla porta scudi 2.45. Con l’occasione si è rappacificata la nostra Banda musicale, per cui tutti i musicisti suonarono. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, p. 116).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie, consultare i volumi originali, il cui elenco

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 24 giugno PDF Stampa E-mail
Sabato 24 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 24 giugno1588 - Gli statuti montenovesi "Statutorum Ecclesiasticae Terrae Monti Novi volumen", stampati a Macerata dalla "Typographia Sebastiani Martellini" - MDLXXXVIII", nel Libro Primo "Degli Uffici", Rubr. I, confermano le norme sulla celebrazione della festa patronale "De pallio offerendo Ecclesiae Sancti Johannis Baptistae" sulla offerta del pallio alla chiesa di San Giovanni rurale di Montenovo, presso la quale si svolgevano i festeggiamenti. (Alberto Fiorani, Il patrono san Giovanni Battista, testo 019, 1988, p. 14).

1837 - In Teatro va in scena la Compagnia Istrionica di Vincenzo Zannoni con la tragedia “Corradina d'Este” dell’Avvelloni, che ebbe gran

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 23 giugno PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 23 giugno1868 - Anche gli spettacoli di arte varia trovavano ospitalità nel Teatro comunale in questo periodo: il Sindaco, infatti, con suo atto del 23 giugno 1868, permetteva a Fortunato Vigoreaux, olandese in tournèe, di tenere dei "giuochi ginnici" durante la sua permanenza di quindici giorni nel nostro paese. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, pp. 153-154).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie,

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 22 giugno PDF Stampa E-mail
Giovedì 22 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 22 giugno207 a.C. – Il 22 giugno 207 a.C. avvenne la “Battaglia del Metauro” tra le truppe romane e la spedizione cartaginese di Asdrubale. Gli esiti di quel ciclopico scontro si rinvengono ancora oggi: nel territorio di Barchi, fino a pochi decenni fa, i contadini arando la terra in riva al Metauro presso il guado di Serrungarina, di tanto in tanto vedevano affiorare rottami dei carri dell’esercito cartaginese, ossa e zanne di elefanti. La "Battaglia del Metauro" del 207 avanti Cristo fu importantissima perchè vide la morte e la decapitazione del condottiero punico Asdrubale Barca e la disfatta del suo esercito. Il sanguinoso scontro rivestì un ruolo decisivo anche per le vicende del comune di Barchi: sembra infatti che dal nome del generale

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 21 giugno PDF Stampa E-mail
Mercoledì 21 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 21 giugno1824 - Entra l’estate con un diluvio d’acqua per la durata di un quarto d’ora, poi seguitò a piovere sempre per quattro giorni continui, tanto che il freddo costrinse a stare attorno al fuoco. (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/miscelanea-veritas/7366-oggi-21-giugno-accadde-pillole-di-storia-montenovese-quando-entro-lestate-con-un-gran-diluvio-di-pioggia-e-freddo-intenso-da-dover-accendere-il-fuoco).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie,

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 20 giugno PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 20 giugno207 a.C. - Il Console M. Livio Salinatore sin dai primi di giugno aveva posto le sue tende a Senigallia «Habebat Livius castra tunc ad Senam Gallicam» (Sabellio IV, 712). Viene raggiunto dal Console Claudio Nerone che proveniva, a marcia forzata, da Larino. Nella notte fra il 20 e il 21 i due eserciti romani, forti, sembra, di 60.000 uomini attaccarono i Cartaginesi in fuga lungo il Metauro. (Fiorani Alberto, Annibale, testo 156, Ostra Vetere (AN), Centro Cultura Popolare, 2011, p. 56).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 19 giugno PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 19 giugno207 a.C. - Compito delle truppe romane era quello di contrastare il passo ad Asdrubale che proveniva dalla Spagna, aveva attraversato le Alpi e voleva congiungersi con Annibale che lo attendeva nell'Italia Meridionale. Il Console M. Livio Salinatore sin dai primi di giugno aveva posto le sue tende a Senigallia «Habebat Livius castra tunc ad Senam Gallicam» (Sabellio IV, 712). Il 19 o il 20 giugno lo raggiunse il Console Claudio Nerone che proveniva, a marcia forzata, da Larino.  (Fiorani Alberto, Annibale, testo 156, Ostra Vetere (AN), Centro Cultura Popolare, 2011, p. 56).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 18 giugno PDF Stampa E-mail
Domenica 18 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 18 giugno1911 - Un manifesto dell’Unione Agricola di Miglioramento di Ostra Vetere convoca la prima Assemblea generale per una conferenza dell’avvocato Giovanni Bertini a mezzogiorno nel cortile del convento di Santa Croce, accennando all’opportunità di costituire una Cassa Rurale come a Corinaldo. (Raoul Mancinelli, Agostino Peverini, testo 002, 1979, p. 31, 32).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie, consultare i volumi originali, il cui elenco

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 17 giugno PDF Stampa E-mail
Sabato 17 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 17 giugno1825 - Le due nuove “bigattiere” del conte Mauruzi e del signor Ricci per l’allevamento dei bachi da seta, realizzate secondo i dettami dei ricercatori Dandolo e Spada, hanno dato un esito mediocre: Mauruzi al 16,54% e Ricci all’11,65%, a fronte della tradizionale “bigattiera” di Procaccini che ha comunque reso il 15,18%. (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/miscelanea-veritas/7314-oggi-17-giugno-accadde-pillole-di-storia-montenovese-quando-le-nuove-bigattiere-diedero-mediocri-risultati-nellallevamento-dei-bachi-da-seta).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 16 giugno PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 16 giugno1912 - Il frate francescano padre Silvestro Petrolati fa diffondere al pubblico la risposta alle accuse mosse al clero dal volantino a firma di Giuseppe Borgiani con il quale si difendeva dagli attacchi del periodico cattolico “Voce Misena”. (Raoul Mancinelli, Agostino Peverini, testo 002, 1979, p. 45).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie, consultare i volumi originali, il cui elenco completo si trova nella pagina

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 15 giugno PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Giugno 2023 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 15 giugno1811 - Reazione all’abolizione degli “Steccati” o “Caccia del bove” disposta dal governo filo francese e il Prefetto del Metauro, G. Casati, è costretto a diramare da Ancona una circolare: ''In data 6 decembre 1809 si è creduto opportuno di limitare il numero delle caccie del Bue, e de' cosiddetti Steccati per un divertimento mal corrispondente, come pareva, alla genti­lezza de' costumi delli abitanti del Metauro. Pareva che la sanguinosa lotta de' cani, de' bovi o de' tori potesse influire sull'inclina­zione segnatamente di rozzi artisti, e degli agricoltori smaniosi di uno spettacolo rare volte adottato nella più gran parte de' Dipar­timenti del Regno. Ma tenendo dietro a varie osservazioni occorse sull'argomento, ho visto

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 64

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.