Comune_di_Ostra_Vetere.jpg

Login

Chi è online

 29 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Comunicati
Ostra Vetere: Contrarietà a un anglismo "infelice, equivoco e polisemico" PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Luglio 2021 22:07

Ostra Vetere: Contrarietà a un anglismo Come Centro di Cultura Popolare, concordiamo con il rilievo pubblicamente espresso dal professore Claudio Morazzini, presidente dell’Accademia della Crusca, che è la secolare istituzione fiorentina incaricata di custodire il ‘tesoro’ della lingua italiana, a proposito degli abusi ormai generalizzati di anglismi sostitutivi di più appropriati termini italiano per definire uno strumento ormai quotidiano di lotta al coronavirus. Green pass è un anglismo “infelice, equivoco e polisemico”, per cui è preferibile usare “certificato covid”, oppure “certificato vaccinale” oppure ancora “passaporto vaccinale”. Marazzini sottolinea che si fa ancora una volta ricorso alla lingua inglese, ma si usa un anglismo che non è affatto chiaro. Eviterei sempre giochi di prestigio con le parole, perché la polisemia rende poco trasparente ciò di cui si parla”  Il presidente dell’Accademia della Crusca raccomanda “ancora una volta, nel linguaggio pubblico, termini limpidi.” ed evidenzia che a livello europeo si parla, appunto, di “digital Covid certificate”, termine che può essere

 
Ostra Vetere: Non si poteva scrivere in italiano? PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Luglio 2021 18:38

Ostra Vetere: Non si poteva scrivere in italiano?Nuove regole e restrizioni per il certificato verde (chissà perchè denominato green pass) a due velocità. Nella cabina di regia fissata per mercoledì si stabilirà se far partire il divieto ai non vaccinati da agosto o da settembre, con possibili limitazzioni progressive. L'obiettivo è non lasciare indietro nessuno. Ragion per cui è possibile che il documento di certificazione dell'avvenuta vaccinazione avrà una validità doppia. Il primo riguarda l'accesso ai bar e differenzia chi vuole accedere al locale al chiuso

 
Ostra Vetere: Anniversario dei Galli di Brenno che sconfiggono i romani all'Allia il 18 luglio 390 a.C. PDF Stampa E-mail
Domenica 18 Luglio 2021 19:00

Ostra Vetere: Anniversario dei Galli di Brenno che sconfiggono i romani all'Allia il 18 luglio 390 a.C.   Brenno unificò le tribù dei Galli Sénoni conquistando tutte le terre tra Romagna e Piceno. Quindi, durante una incursione contro gli Etruschi, assediò Chiusi che invocò l'aiuto di Roma. Il Senato romano inviò tre emissari appartenenti alla Gens Fabia, per mediare tra Galli e assediati (WWW Brenno = http://it.wikipedia.org/wiki/Brenno). Diodoro (XIV, 113-117) dice che i Romani erano andati a Chiusi per vedere cosa stava succedendo e vi avevano trovato 30.000 Galli che combattevano contro la città (KRUTA-MANFREDI, p. 87). L'ambasceria romana tuttavia non rimase neutrale e i Romani dichiararono guerra ai Sénoni (WWW Brenno = http://it.wikipedia.org/wiki/Brenno). Si venne a battaglia ma gli stessi legati romani, violando il diritto delle genti (noi diremmo il «diritto internazionale»), si gettarono nella mischia combattendo dalla parte degli Etruschi e uno di loro, Quinto Fabio, uccise di sua mano addirittura il duce nemico. Fu però riconosciuto e i Galli abbandonarono la battaglia contro gli Etruschi per rivolgersi contro Roma

 
Ostra Vetere: Anniversario del trasferimento in Ancona dell’arcivescovo Monsignor G.B. Ricci il 15 luglio 1906 PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Luglio 2021 17:51

Ostra Vetere: Anniversario del trasferimento in Ancona dell’arcivescovo Monsignor G.B. Ricci il 15 luglio 1906Il fortunato rinvenimento di uno dei grossi tomi di una enciclopedia francese stampata più di un secolo fa a Parigi nel 1914, ci fa scoprire importanti notizie relative ad un nostro importante concittadino. Ecco il testo dell’enciclopedia: «Ancone IV. ÉTAT actuel. L'archevèque actuel est Mgr Giovanni-Battista Ricci, né le 6 février 1815 à Ostra Vetere (ci-

 
Ostra Vetere: Anniversario della morte del Tarugo Franco Segoni il 14 luglio 2009 PDF Stampa E-mail
Mercoledì 14 Luglio 2021 19:00

Ostra Vetere: Anniversario della morte del Tarugo Franco Segoni il 14 luglio 2009Ricorre oggi l’anniversario della morte, subitaneamente avvenuta in quel tragico pomeriggio del 14 luglio 2009 sulla spiaggia di Senigallia, di Franco Segoni. Nonostante il tempo trascorso, gli amici non dimenticano “il Tarugo”. Con questo soprannome infatti tutti lo conoscevano non solo in paese. Franco era l'infaticabile presidente del locale Circolo Fenalc in piazza della Libertà, l'attento gestore del Bar dell’Arco posto all'inizio del centro storico ostraveterano a Porta Santa Croce ridenominata Porta 4 Agosto, il socio disinteressato e sollecito del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere, con il quale aveva lungamente collaborato in moltissime iniziative sociali e culturali. Era anche impegnato in mille e mille altre attività pubbliche e sociali e per questo conosciuto e stimato. Un autentico vulcano di opere e di azioni che hanno positivamente segnato il paese di Ostra Vetere e i centri vicini. Ma fu vittima di repressione politico-giudiziaria della perfidia dei soliti noti e per questo prossimamente a lui verrà intitolata una nuova associazione locale delle vittime che

 
Ostra Vetere: Anniversario della morte di Giuseppe Perini il 10 luglio 1984 PDF Stampa E-mail
Sabato 10 Luglio 2021 18:25

Ostra Vetere: Anniversario della morte di Giuseppe Perini il 10 luglio 1984Ricorre oggi l’anniversario della morte di Giuseppe Perini, che il Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere vuole commemorare. Giuseppe Perini morì a 70 anni il 10 luglio 1984. Era stato sindaco di Ostra Vetere, eletto nel 1956 per un quinquennio fino al 1961 alla guida di una amministrazione di sinistra a maggioranza PCI. Attivo nella vita sociale del paese, era stato per lunghi anni responsabile di una cooperativa di consumo, assolvendo anche all’incarico di esattore per conto dell’UNES, la

 
Ostra Vetere: Anniversario della nascita del priore don Federico Sbarbati a Ostra il 6 luglio 1921 PDF Stampa E-mail
Martedì 06 Luglio 2021 18:12

Ostra Vetere: Anniversario della nascita del priore don Federico Sbarbati a Ostra il 6 luglio 1921Era il 6 luglio 1921, quando nasceva a Ostra don Federico Sbarbati, che sarebbe poi divenuto nel 1989 il nuovo Priore di San Severo Vescovo di Ostra Vetere. Don Federico era stato parroco della parrocchia di San Pietro Apostolo del Vaccarile fino al 1989, quando venne assegnato alla cura della più antica parrocchia di Ostra Vetere, quella di San Severo che antichissimi documenti attestano esistente già prima del 1001. Don Federico rimase poi alla guida di San Severo per un decennio, fra il 1989 e il 1999. Con lui cessò l’elenco dei priori, essendo stata la parrocchia unita amministrativamente a quella di Santa Maria, ma non soppressa canonicamente. Il Centro di Cultura Popolare ricorda il priore don Federico Sbarbati come pastore buono e umile, attento ai suoi fedeli e tutto dedito al bene della sua parrocchia.

da Centro Cultura Popolare

 
Ostra Vetere: Arriva il priore don Augusto Manoni da Arcevia il 5 luglio 1933 PDF Stampa E-mail
Lunedì 05 Luglio 2021 18:33

Ostra Vetere: Arriva il priore don Augusto Manoni da Arcevia il 5 luglio 1933Ricorre oggi l’anniversario dell’arrivo da Arcevia a Ostra Vetere del priore di San Severo don Augusto Manoni. Nato nella vicina Ostra il 18 maggio 1880, era stato inviato a svolgere la sua missione sacerdotale ad Arcevia, da dove venne qui trasferito il 5 luglio 1933 a reggere la più antica parrocchia del paese, quella di San Severo Vescovo ravennate, la cui prima citazione risale a un diploma imperiale di Ottone III nel 1001, e alla cui guida si prodigò apportando consistenti migliorie alla chiesa parrocchiale al Pozzolungo (cfr. Fiorani.A.-Lipani, San Severo dalla cella sul colle Paradiso alla parrocchiale del Pozzolungo, Ostra Vetere (AN), Centro Cultura Popolare, 1995, pp. 252). Il priore Manoni morì a Ostra Vetere il 17 novembre 1962, ormai 82enne. Nella foto scattata, poco prima della sua morte, è ritratto in alto a sinistra, sotto la statua di san Luigi Gonzaga patrono della gioventù, insieme al gruppo di chierichetti della sua parrocchia accompagnati dal cappellano don Attilio Ferretti

 
Ostra Vetere: Anniversario della morte di don Pietro Bonucci il 26 giugno 1978 PDF Stampa E-mail
Sabato 26 Giugno 2021 18:00

Ostra Vetere: Anniversario della morte di don Pietro Bonucci il 26 giugno 1978Ricorre oggi l’anniversario della morte dell’abate don Pietro Bonucci. Era nato ad Arcevia il 19 marzo 1910 e appena trentenne, giovane sacerdote, venne nominato abate dell’abbazia di Santa Maria Annunziata di Piazza di Ostra Vetere, dove giunse da Senigallia il 24 aprile 1940 e dove rimase per lunghi decenni alla guida della parrocchia. Nei primi anni del suo ministero visse il terribile periodo della seconda guerra mondiale, compreso il tragico passaggio del fronte di guerra nel 1944. Stava celebrando la Messa mattutina quando una delle cannonate che funestarono il paese colpì anche l’abside della chiesa, provocando gravi danni, tanto che dovette interrompere la celebrazione per spostarsi presso il rifugio sotto il Palazzo Marulli, coperto di polvere delle macerie. Guidò poi con

 
Ostra Vetere: Alleghiamo il libro su “Il Patrono San Giovanni Battista” PDF Stampa E-mail
Giovedì 24 Giugno 2021 18:09

Ostra Vetere: Alleghiamo il libro su “Il Patrono San Giovanni Battista”Oggi è la festa del patrono del paese, san Giovanni Battista. Già più di trent'anni fa, al patrono cittadino il Centro di Cultura Popolare aveva dedicato un volumetto, il 19.mo della collana di testi, di Alberto Fiorani, intitolato appunto "Il patrono san Giovanni Battista", edito il 24 giugno 1988 e del quale è stato necessario ristamparne una seconda edizione nel novembre del 2001, una terza a giugno 2005 e infine una quarta nel gennaio 2012, poichè le copie stampate sono andate presto esaurite. L'idea di quella monografia era venuta tempo fa, nell'ambito dei programmi di promozione culturale elaborati per l'attuazione degli scopi istituzionali dal Centro di Cultura Popolare. D'altra parte i motivi di fondo dell'avvertibile esigenza della riscoperta dei valori ideali, culturali, religiosi, civili, storici e artistici legati al culto del santo patrono san Giovanni Battista sono tutti ben presenti nella opinione pubblica locale. Prova ne è non solo l'alto numero di concittadini che si chiamano con lo stesso nome del patrono Giovanni, dei suoi diminutivi, derivati, composti (come Gianni, Giovannino, Giannino, Giancarlo, Gianfranco, Gianluca,

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (019Patro4Ed_1_2.pdf)Ostra Vetere: Alleghiamo il libro su “Il Patrono San Giovanni Battista”Ostra Vetere: Alleghiamo il libro su “Il Patrono San Giovanni Battista”1096 Kb
 
Ostra Vetere: La reliquia del Patrono San Giovanni Battista PDF Stampa E-mail
Giovedì 24 Giugno 2021 18:03

Ostra Vetere: La reliquia del Patrono San Giovanni BattistaNel giorno della festa patronale, il Centro di Cultura Popolare ritiene opportuno pubblicare nuovamente l’articolo pubblicato appena 3 giorni fa sulla Gazzetta dj (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/comunicati/60598-ostra-vetere-ritrovata-dopo-secoli-a-firenze-la-reliquia-del-patrono-san-giovanni-battista). L'agenzia giornalistica ANSA pubblica oggi una notizia che ci interessa particolarmente per una serie di convergenti motivi. E' stata ritrovata dopo secoli a Firenze la Reliquia del patrono San Giovanni Battista. San Giovanni Battista è il patrono di numerosissimi Comuni, tra cui Firenze, Fabriano e, appunto, Ostra Vetere. A tre giorni dalla festa patronale, che ricorre il prossimo 24 giugno, in occasione della natività del nostro patrono in quel lontanissimo giorno dell'anno 24 avanti Cristo, la notizia quindi è clamorosa anche per noi. Ecco come riporta la notizia l'Agenzia Anza: "Ritrovata dopo secoli reliquia S. Giovanni Battista. Rinvenuta tra oreficerie custodite in Museo del Duomo di Firenze. (ANSA) - FIRENZE, 21 GIU - Scoperta o

 
Ostra Vetere: Il “fogarone” della notte della vigilia di San Giovanni PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Giugno 2021 17:38

Ostra Vetere: Il “fogarone” della notte della vigilia di San GiovanniC’era un tempo in cui a Montenovo le tradizioni erano particolarmente praticate da attenti volenterosi e coralmente seguite dalla popolazione. E perdurarono anche dopo che il paese aveva cambiato nome in Ostra Vetere. Così, fino a tutti gli anni Sessanta, gli abitanti del terziere di Porta Pesa non mancavano mai di solennizzare le più importanti ricorrenze religiose, care alla sensibilità della gente: nella vigilia di San Giovanni Battista, nella vigilia dell’Assunta, nella vigilia della Madonna di Loreto e nella vigilia di Santa Lucia erano i ragazzi del terziere che, di buon mattino, andavano in campagna a raccogliere “fascine” di legna da portare sulla piazza di Porta Pesa, vicino alla “pompa”, accatastandole fino a farne una grande pira sotto l’attento occhio dei familiari e parenti. All’imbrunire (d’estate capitava dopo cena) gli abitanti delle vie circostanti si radunavano sulla piazza della Pesa e allora veniva acceso il “fogarone” che bruciava

 
Ostra Vetere: L’acqua d'odore e la guazza di San Giovanni PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Giugno 2021 17:26

Ostra Vetere: L’acqua d'odore e la guazza di San GiovanniLa vigilia di San Giovanni, nella tradizione culturale popolare, è ricca di credenze e superstizioni, tutte elencate nel volume 19 della collana di testi del Centro di Cultura Popolare. Il culto ufficiale al santo patrono, convinto e radicato per secoli nella tradizione religiosa della popolazione, ha infatti trovato un contrappunto nella nascita, sviluppo e persistenza di numerose credenze e superstizioni popolari, legate sia alla celebrazione della vigilia, che della festa, che soprattutto della notte fra il 23  e il 24 giugno. Il giorno della vigilia era dedicato

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 48

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.