Provincia_Ancona.jpg

Login

Chi è online

 138 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Fatti nostri
a MONTENOVO i fatti nostri del 30 settembre PDF Stampa E-mail
Venerdì 30 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 30 settembre1838 - Nella sera altra recita a teatro, la seconda del cartellone, con “L'uomo di 40 Anni”, entrambe di due soli atti, ma in questa seconda la chiusura fu particolarmente insulsa e ridicola. Vi furono suonate le Variazioni col Fagotto da Annibale Giovacchini, che restarono gradite dai sempre più numerosi spettatori. Queste Variazioni furono accompagnate da Giovanni Tulli con il clarino, e così terminò. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, p. 130).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 29 settembre PDF Stampa E-mail
Giovedì 29 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 29 settembre1839 - Verso le ore 10.30 venne il cardinale Testaferrata, vescovo di Senigallia, e scese nella sagrestia della Collegiata di Santa Maria. Subito impartì la Cresima a fanciulli, terminando la funzione a ore 14.00. Purtroppo la cerimonia venne rovinata da un grosso acquazzone di pioggia con tuoni, per cui subito il cardinale tornò al suo feudo di Vaccarile. Il clero e i magistrati locali andarono a complimentarlo,insieme al conte Giuseppe Mauruzi, tornato la sera precedente da Roma. Nella circostanza venne servito un rinfresco con cioccolata, ponce, limonate e savoiardi. La copiosa acqua a diluvio ha creato problemi ai forestieri di Castelleone, Serra de' Conti, Barbara e Vaccarile che erano venuti con i

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 28 settembre PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 28 settembre1838 - Nella sera, in casa di Filippo Bellini fu dato inizio alle “Ombre Comiche” recitate dai figli con altri compagni. Rappresentarono “La villana nobilitata all'eccesso”. Vi fu molto da ridere, sebbene le “Ombre”, ovvero Burattini in controluce, non agivano molto, ma soltanto con i bracci. Gli ascoltatori restarono soddisfatti del nuovo spettacolo, cui intervennero anche parecchie signore, che trascorsero un paio d'ore in società. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, p. 130).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 27 settembre PDF Stampa E-mail
Martedì 27 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 27 settembre1818 – Il giovane conte Giovanni Maria Mastai Ferretti, che verrà poi eletto papa con il nome di Pio IX, entra a far parte come confratello della Venerabile Confraternita dei Crocesegnati di Senigallia. (Fiorani Alberto, Pio IX e le Confraternite, testo 63, 2011, p. 31).

1886 - Alle necessità della sorveglianza sui pubblici spettacoli il Comune nomina di due "deputati" e il Consiglio Comunale rinnova i propri rappresentanti, eleggendo Alerano Sebastianelli e Federico Marulli. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, p. 164).

1978 - Il Consiglio Comunale, con deliberazione, decise di dar corso ad alcuni

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 26 settembre PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 26 settembre1993 - La Collegiata di Santa Croce di Ostra ospita il quinto Raduno delle Confraternite diocesane, cui parteciparono anche quelle di Ostra Vetere, nella domenica 26 settembre 1993, nel corso del quale venne approvata la nuova bozza di Statuto-tipo delle Confraternite diocesane. (Alberto Fiorani, La storia e i caratteri della devozione lauretana delle confraternite, testo 041, 1995, p. 145).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie,

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 25 settembre PDF Stampa E-mail
Domenica 25 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 25 settembre1786 - La costruzione del nuovo Teatro condominiale dovette richiedere parecchio tempo, tanto è vero che dieci anni dopo la prima decisione della sua costruzione il Consiglio Comunale del 25 settembre 1786 decise di far compartecipare alla spese anche il Comune, con l'acquisto del Palco del Magistrato al prezzo di 60 scudi. Era questo il "palchetto nobile" centrale della prima fila, destinato all'uso del "Giudice, Magistrato e Foresteria Civile", ai quali veniva riconosciuto il valore civile preminente con l'attribuzione del palco migliore, proprio di fronte alla scena, e al quale si giungeva passando direttamente da una porticina ricavata nel muro divisorio, verso la vecchia Sala del Consiglio. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo,

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 24 settembre PDF Stampa E-mail
Sabato 24 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 24 settembre1989 - Il primo Raduno organizzativo delle Confraternite venne organizzato presso l'Eremo di Santa Croce di Fonte Avellana e servì per fare il punto della presenza delle Confraternite e della necessità della conservazione del loro patrimonio ideale, morale, istituzionale, sociale, economico ed artistico. Vi parteciparono tutte le Confraternite di Ostra Vetere. (Alberto Fiorani, La storia e i caratteri della devozione lauretana delle confraternite, testo 041, 1995, p. 144).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 23 settembre PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 23 settembre1832 - Nella mattinata domenicale ha celebrato nella chiesa collegiata di Santa Maria la Messa Novella cantata don Giuseppe figlio di Francesco Tulli con il padrino assistente canonico don Luigi Gasparrini con il piviale. La cerimonia venne resa più solenne con organo, cantori, corni, tamburo e spari di fuochi artificiali. Nella serata cantò il Vespro e diede la Santa Benedizioni. Poi, tornato in casa, offrì un lautissimo rinfresco con l'invito di tutte le famiglie con numerosa presenza di ospiti e infine furono distribuite due mute di sonetti allusivi al primo sacrificio. (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/miscelanea-veritas/466-oggi-23-settembre-accadde-pillole-di-storia-montenovese-quando-il-nipote-di-procaccini-celebro-la-messa-

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 22 settembre PDF Stampa E-mail
Giovedì 22 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 22 settembre1888 - Il Regio Prefetto della Provincia aveva comunicato che, per il Consiglio Scolastico, non sono sufficienti le copie semplici delle patenti delle suore maestre designate a servizio dell’Asilo d’Infanzia, per cui il sindaco Ricci riscrive nuovamente alla Madre Prefumo affinchè spedisca i documenti originali, con l'avvertenza che "A scanso di possibile smarrimento potrà rimetterli con piego raccomandato" così come del resto farà il Comune nell'inviarli alla Regia Prefettura. (p. Rolando Maffoli o.f.m., Renzo Fiorani, Le suore figlie di Maria SS. dell'Orto, un secolo di assistenza a Ostra Vetere, testo 022, 1989, p. 30).

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 21 settembre PDF Stampa E-mail
Mercoledì 21 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 21 settembre1823 - Nella domenica e festa di San Matteo, poco dopo mezzogiorno venne dato il solenne possesso con l'erezione della tanto desiderata Collegiata. Per tale motivo venne a Montenovo il Canonico Marzoli, Sostituto di Monsignor Vicario Generale Piccarozzi di Senigallia con il Cancelliere Bruschettini. Dopo avere letto tutte le Bolle Pontificie sull'altare maggiore di Santa Maria, diede possesso ai nuovi Canonici e ognuno venne installato nel postergale del coro, che era stato preso dalle Monache soppresse di Santa Lucia e in due giorni di lavoro era stato posto dietro l'altare maggiore, che venne portato più avanti per dare spazio al nuovo altare con sei alti candelieri, croce e quattro vasi per fiori, tutto proporzionato e inargentati,

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 20 settembre PDF Stampa E-mail
Martedì 20 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 20 settembre1819 - Continua la permanenza del Cardinale Vescovo a Montenovo, giuntovi quattro giorni prima in Sacra Visita e trattenutosi fino alla sera prima per la posa della prima pietra. La mattina del 20 fu incominciata la fabbricazione dell'Ospedale al Girone sotto la direzione capomastro Giacomo Mancini di Jesi, avendo come deputato soprintendente Amanzio Monti. (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/miscelanea-veritas/454-oggi-20-settembre-accadde-pillole-di-storia-montenovese-quando-inizio-la-costruzione-dellospedale-al-girone).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 19 settembre PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 19 settembre1355 - Nicolò di Bisaccione conte di Buscareto ratifica i patti concordati in forma privata e ufficiosa con il Legato papale cardinale Egidio Albornoz nel mese di aprile, dopo il giuramento di fedeltà del 24 marzo a Tolentino, con cui restituiva alla Chiesa il dominio su Montenovo. (Villani Virginio, La storia di Nicolò di Bisaccione conte di Buscareto, testo 165, 2012, p. 35).

1860 - A Recanati, il giorno dopo la battaglia di Castelfidardo tra le truppe piemontesi e quelle pontificie, le milizie pontificie depongono le armi con gli onori di guerra, alla presenza della 7^ Divisione piemontese. (Giorgio Bianchini, Itinerari culturali, testo 010, 1983, pp. 15).

1891 - Cambiato il Sindaco, che per 31 anni dal

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 18 settembre PDF Stampa E-mail
Domenica 18 Settembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 18 settembre1860 – Dopo un ultimatum di Cavour al cardinale Antonelli dell’ 11 settembre, il IV Corpo d'Armata piemontese, con alla testa il generale Cialdini, aveva invaso lo Stato Pontificio al Tavullo e proseguito per il litorale. L'esercito pontificio, agli ordini del generale Lamorciere, mosse da Terni verso Loreto, con l'intenzione di appoggiarsi alla fortezza di Ancona. I due eserciti si scontrano a Castelfidardo il mattino del 18 settembre. Senza che il Cialdini lo prevedesse, il generale francese Pimodan attacca gli avamposti piemontesi alla confluenza dell'Aspio con il Musone, ricacciando i bersaglieri del 26° Reggimento sul Monte Oro e conquistando, nella sua avanzata, la prima e la seconda cascina.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 43

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.