Accadde nel Mondo il 3 giugno PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Giugno 2021 00:00

Accadde nel Mondo il 3 giugnoIl 3 giugno è il 154º giorno del calendario gregoriano (il 155º negli anni bisestili). Mancano 211 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

350 - Nepoziano della dinastia costantiniana si proclama imperatore, entrando a Roma al comando di gladiatori

1098 - I Crociati prendono Antiochia, in Turchia

1140 - Bernardo di Chiaravalle attacca le dottrine di Pietro Abelardo nella cattedrale di Sens

1326 - Firma del trattato di Novgorod, con cui vengono stabiliti i confini fra la Norvegia e la Russia

 
Santo del giorno 3 giugno: San Genesio di Clermont vescovo PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Giugno 2021 00:00

Santo del giorno 3 giugno: San Genesio di Clermont vescovoLa lista espiscopale di Clermont in Alvernia (Francia) fa menzione di Genesio (in latino Genesius; francese Genès, Genet) come ventunesimo vescovo di quella sede dopo san Gallo II, il cui episcopato si colloca alla metà del VII secolo, e prima di Gyroind, iscritto sul privilegio di Emmone di Sens per St-Pierre-le-Vif (660 circa). La “Vita di san Proietto”, uno dei suoi successori morto circa nel 676, scritta da un contemporaneo, riferisce che Genesio arcidiacono, poi vescovo, diede a Proietto giovinetto un'accurata educazione ("paternale affectu cum omnia diligenti enutrivit ac erudivit") facendolo in seguito suo consigliere e dispensatore delle sue elemosine ai poveri. La “Vita di san Bonito” (circa 623-706), altro vescovo di Clermont, anch'essa opera di un contemporaneo, chiama Genesius nobilissimus pontifex. Usufruendo del suo patrimonio, Genesio costruì a Clermont una chiesa dedicata a san Sinforiano, dove fu sepolto e che portò in seguito il suo nome. Fondò anche un ospedale ed un monastero chiamato Manglieu, su un suo terreno personale a una trentina di chilometri da

 
Ostra Vetere: “montenovonostro” onora gli eroi montenovesi immolati per la libertà PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 12:54

Ostra Vetere: “montenovonostro” onora gli eroi montenovesi immolati per la libertàOggi è la Festa della Repubblica e vorremmo tanto festeggiare anche noi, come è giusto che sia. L’anima di un popolo si dimostra anche nella sua forma di Stato e quello italiano è uno Stato democratico e di diritto, i cui caratteri di libertà, democrazia, giustizia e progresso mediante il lavoro dovrebbero essere capisaldi certi e riconoscibili nella vita quotidiana di tutti, tanto dello Stato, che della generalità dei suoi cittadini. Dovrebbero. E siamo costretti a usare il condizionale più come rimpianto e desiderata aspirazione, poichè non ci sembra di poter usare il tempo presente come affermazione di principio: devono. "Dovrebbero" e "devono", aspirazione e cruda attualità, condizionale e presente del verbo "dovere" da troppo tempo scomparso dal lessico della vita politica. Tutto quello che sta succedendo da più di tre decenni a questa parte, ha scalfito in tanti e troppi

 
Ostra Vetere: 75 anni fa la Scelta Popolare che cambiò la storia d’Italia PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 12:30

Ostra Vetere: 75 anni fa la Scelta Popolare che cambiò la storia d’ItaliaScelta Popolare celebra oggi, come tutti gli italiani che si riconoscono nei principi costituzionali repubblicani e democratici, la Festa della Repubblica del 2 giugno. Quest’anno essa assume un valore particolare. Perché ricorre il 75.mo anniversario della proclamazione della Repubblica, voluta dalla maggioranza del popolo che, nel referendum istituzionale per la scelta della forma di Stato fra Monarchia e Repubblica, scelse la Repubblica per dare voce a tutte le componenti civili e sociali in un sistema condiviso sulla Costituzione, repubblicana e

 
Dalle Marche: Il presidente Acquaroli alla Cerimonia del 2 Giugno ad Ancona PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 12:14

Dalle Marche: Il presidente Acquaroli alla Cerimonia del 2 Giugno ad Ancona

Il presidente Acquaroli alla Cerimonia del 2 Giugno ad Ancona: “Ricorrenza che unisce la Nazione”. Il presidente della Regione Francesco Acquaroli ha partecipato alla Cerimonia del 2 Giugno, organizzata ad Ancona, per il 75° Anniversario della Festa della Repubblica. La celebrazione si è svolta presso la centralissima Piazza IV Novembre, con la deposizione delle corone di alloro al Monumento ai Caduti, l’Alzabandiera, l’Inno nazionale e la lettura del messaggio del presidente della Repubblica. “Abbiamo celebrato una ricorrenza che unisce la nostra Nazione e che segna una nuova ripartenza. Voglio ringraziare tutti quanti, in questo anno, si sono distinti con determinazione e coraggio nella lotta alla pandemia", il commento del presidente Acquaroli. Le celebrazioni sono poi proseguite con la consegna delle onorificenze dell'Ordine al merito della Repubblica e delle Medaglie d'onore per il reduce dai campi di concentramento.

 
Dall’Italia: ANPC, 2 giugno 2021 la forza dell’unità PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 12:03

Dall’Italia: ANPC, 2 giugno 2021 la forza dell’unitàDa ANPC riceviamo e pubblichiamo: "Il 2 giugno, festa della nostra Repubblica democratica, viene presentato il manifesto preparato dal Forum delle Associazioni Partigiane. Le Associazioni (in ordine alfabetico: AICVAS, ANED, ANEI, ANFIM, ANPC, ANPI, ANPPIA, ANRP, FIAP, FIVL) hanno costituito un tavolo informale perché essendo tutte animate dagli stessi intenti, fondate sugli stessi valori, possano rendere presente con maggior forza la testimonianza e la promozione di una storia patria gloriosa non solo per il passato ma perché fruttuosa per il presente e il futuro del nostro sistema democratico. Non basta ricordare le radici se non viene attualizzato il messaggio e diffuso attraverso tutti gli strumenti di comunicazione che oggi abbiamo a disposizione. La nostra “Resistenza ora e sempre” chiede di partecipare a rendere coesa la convivenza democratica e a costruire e mantenere l’ideale dell’Europa, unita fondamento della pace. Forum e manifesto saranno presentati ufficialmente il 2

 
Dall’Italia: La Festa della Repubblica è festa di libertà PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 12:00

Dall’Italia: La Festa della Repubblica è festa di libertàLa Festa della Repubblica del 2 giugno, voluta dalla maggioranza del popolo che nel referendum istituzionale per la scelta della forma di Stato fra Monarchia e Repubblica, decise di abbandonare giustamente il medievale e feudale sistema politico del potere affidato ai discendenti di una dinastia che aveva conquistato un regno sul filo delle armi. Una dinastia per alcuni versi benemerita, per aver

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 2 giugno PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 2 giugno1966 – Al ricevimento ufficiale nel Palazzo del Quirinale di Roma per il ventennale della Festa della Repubblica, il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat invita anche l’amministrazione comunale di Ostra Vetere, guidata dal sindaco Giuseppe Paolini, che ne delega la rappresentanza al vicesindaco Gabriele Buschi. (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/comunicati/32873-roma-e-se-solo-oggi-i-boschi-ben-cinquantanni-fa-cera-il-nostro-buschi-).

1977 – Il settimanale diocesano “La Voce Misena” pubblica l’articolo "Ostra Vetere" siglato R.M. sul convegno "Attualizzazione del movimento confraternitale" tenutosi la domenica

 
Accadde nel Mondo il 2 giugno PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 00:00

Accadde nel Mondo il 2 giugnoIl 2 giugno è il 153º giorno del Calendario Gregoriano (il 154º negli anni bisestili). Mancano 212 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

455 – I Vandali entrano a Roma, e saccheggiano la città per due settimane. Ripartiranno con tesori incalcolabili, spoglie del tempio di Gerusalemme portate a Roma da Tito, e con l'Imperatrice Licinia Eudossia e le figlie Eudocia e Placidia

575 – Elezione di papa Benedetto I.

657 – Elezione di papa Eugenio I.

1094 – Morte di San Nicola Pellegrino, patrono della città di Trani.

 
Santo del giorno 2 giugno: Beata Eufemia Giustiniani badessa PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Giugno 2021 00:00

Santo del giorno 2 giugno: Beata Eufemia Giustiniani badessaLa beata Eufemia Giustiniani nacque a Venezia nel 1408. All’età di diciassette anni, nel 1425 entrò nel monastero delle benedettine di Santa Croce alla Giudecca, facendo la professione religiosa nell’anno seguente. Nel 1444 è stata eletta badessa del monastero e impose alla sua comunità una grande severità e austerità nel rispetto della regola, tanto che durante il corso del suo governo, il Patriarca dovette intervenire più volte per mitigare la severità vigente nel monastero. La beata Eufemia Giustiniani, morì il 2 giugno 1487, dopo aver governato il monastero per tutta la sua vita, e fu sepolta nel cimitero comune. La fama di santità per la beata venne riconosciuta per la prima volta nel 1620 da Bernardo Giustiniani, che la fece conoscere attraverso il catalogo agiografico del patriarca Giovanni Tiepolo del 1620. Dopo che, attraverso l’intercessione della beata, furono compiuti numerosi miracoli, nel 1646, per volontà del Patriarca Giovan Francesco Morosini, i suoi resti

 
Dalle Marche: Al via da domani i vax days per i maturandi PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Giugno 2021 16:18

Dalle Marche: Al via da domani i vax days per i maturandiAl via da domani i vax days per i maturandi delle Marche: senza prenotazione possono accedere ai centri vaccinali, basterà l'autocertificazione. Iniziano, domani, 2 giugno, nelle Marche, i “Vax Days” per gli studenti delle quinte superiori chiamati a sostenere gli esami di maturità. Cinque giorni di vaccinazioni, dal 2 al 6 giugno, senza prenotazione, nei punti vaccinali individuati dalla Regione. I ragazzi interessati dovranno presentarsi, sulla base dell’ordine alfabetico dei cognomi stabilito, dalle ore 8.00 alle 18.30, senza bisogno di

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 1° giugno PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Giugno 2021 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 1° giugno1568 - In occasione di un viaggio che i maggiorenti del paese compiono a Loreto nel 1568 per scioglimento di un pubblico voto, il Consiglio di Credenza di Montenovo avanzava, il primo giugno di quell'anno, la proposta di far visita alla Santa Casa insieme ai Priori delle Confraternite di San Sebastiano, San Rocco e del Crocifisso. La proposta venne accolta dal Consiglio Generale che destinò a tale scopo i proventi della vendita di una partita di grano, proventi che vennero impiegati per rifondere le spese di trasporto, vitto, alloggio e per le fiaccole di cera da donare alla Santa Casa. Proprio al padre del pittore montenovese Giovambattista Lombardelli venne così rimborsata, dietro regolare annotazione, la

 
Accadde nel Mondo il 1° giugno PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Giugno 2021 00:00

Accadde nel Mondo il 1° giugnoIl primo giugno è il 152º giorno del calendario gregoriano (il 153º negli anni bisestili). Mancano 213 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

193 – Il Senato romano condanna a morte l'imperatore Didio Giuliano, permettendo a Settimio Severo di conquistare il trono latino.

303 – Presunto martirio di Crescentino di Città di Castello.

987 – Ugo Capeto è eletto re di Francia.

1204 – Caduta della città di Rouen, che diventa possedimento del re di Francia, Filippo II.

1252 – Alfonso X di Castiglia, detto il saggio, viene proclamato re di Castiglia e di León.

 
Santo del giorno 1 giugno: San Floro di Lodeve vescovo PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Giugno 2021 00:00

Santo del giorno 1 giugno: San Floro di Lodeve vescovoSan Floro o frate Flour, vescovo di Lodève. La sua leggenda, formatasi nel secolo XIII, è così compendiata nelle Vies des Saints: «Floro, discepolo di Cristo, segue a Roma san Pietro che lo invia ad evangelizzare la Gallia Narbonese. Fissa il suo seggio episcopale a Lodève. In seguito ad una visione, parte insieme con due compagni, Gemmardo e Giusto. Attraversando un deserto - les Causses - essi sarebbero morti di sete se Floro non avesse fatto scaturire in modo miracoloso una sorgente. Arrivano infine a Iridiciacum, dove Floro costruisce una chiesa e muore». Sembra in ogni modo che la sua esistenza non può essere posta in dubbio. Mentre, infatti, una bolla di Gregorio V (996-99) accenna a una «cella in cui riposa santo Floro nel contado di Clermont», altre carte ci fanno sapere che Indiciacum divenne il Priorato di Saint-Flour organizzato da san Odilone, morto nel 1049. Allorché nel 1317 la città di Saint-Flour fu eretta in diocesi, le reliquie di Floro vennero trasferite nella cattedrale. Nel Medioevo egli era festeggiato il 1° giugno, supposto giorno della morte, e il 4 novembre, giorno della traslazione delle reliquie. Oggi il Proprio di Saint-Flour lo

 
Dalle Marche: Dissesto idrogeologico, il Ministero destina 10 milioni alle Marche PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Maggio 2021 17:08

Dalle Marche: Dissesto idrogeologico, il Ministero destina 10 milioni alle MarcheDissesto idrogeologico, il Ministero destina 10 milioni alle Marche. Aguzzi: “Un ottimo risultato che ci consentirebbe di ridurre il dissesto in tutte le province”. Già trasmesso dalla Regione un elenco di 11 interventi. Il Ministero per la Transizione Ecologica destina oltre 10 milioni di euro per interventi finalizzati alla mitigazione del dissesto idrogeologico nella Regione Marche. “Un’ottima notizia e un buon risultato per la nostra regione – commenta l’assessore regionale alla Difesa del Suolo e della Costa, Stefano Aguzzi - perché con questo importante stanziamento potremmo ridurre il dissesto idrogeologico in tutte le province e in situazioni

 
Dall’Italia: ANPC in ricordo del Cardinale Pietro Boetto PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Maggio 2021 17:01

Dall’Italia: ANPC in ricordo del Cardinale Pietro BoettoDa ANPC Nazionale riceviamo e pubblichiamo: "Il 75° Anniversario della scomparsa del Cardinale Pietro Boetto. Nella Chiesa di San Quirico di Albareto è stata celebrata una messa in ricordo del Cardinale Pietro Boetto che fu attivo nella Resistenza, dando sostegno a tantissimi partigiani e salvando centinaia di ebrei, e che venne riconosciuto dallo Stato d'Israele Giusto tra le Nazioni. Alla cerimonia

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 31 maggio PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Maggio 2021 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 31 maggio1830 - Ultima funzione religiosa a San Sebastiano, avendo disimpegnato l’orazione panegirica l’Abate Luigi Mancini, letta con energia e così terminò. (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/miscelanea-veritas/7090-oggi-31-maggio-accadde-pillole-di-storia-montenovese-quando-labate-faceva-panegirico-nella-chiesa-di-san-sebastiano).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie, consultare i volumi originali, il cui elenco

 
Accadde nel Mondo il 31 maggio PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Maggio 2021 00:00

Accadde nel Mondo il 31 maggioIl 31 maggio è il 151º giorno del Calendario Gregoriano (il 152º negli anni bisestili). Mancano 214 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

1278 a.C. – Ramesse II è incoronato faraone

1101 – Conquista di Cesarea da parte dei crociati

1740 – Federico II Hohenzollern è incoronato re di Prussia, dopo la morte del padre Federico Guglielmo I

1884 – John Harvey Kellogg brevetta i corn flakes

1902 – Seconda guerra boera: Le ultime forze di resistenza degli Afrikaner firmano un trattato di

 
Santo del giorno 31 maggio: Santa Battista (Camilla) Varano principessa clarissa francescana PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Maggio 2021 00:00

Santo del giorno 31 maggio: Santa Battista (Camilla) Varano principessa clarissa francescanaFiglia del principe Giulio Cesare Da Varano, signore di Camerino, sostenitore delle arti, abile nelle armi, buon diplomatico, generoso con il popolo, vendicativo con i nemici e dedito alle avventure sentimentali. Il principe a vent’anni si era sposato con la dodicenne Giovanna, figlia di Sigismondo Malatesta di Rimini, dalla quale ebbe successivamente tre figli ma, non disdegnando altri legami amorosi, aveva avuto altri cinque figli illegittimi, i quali comunque furono educati a corte insieme agli altri tre. Ed fu dall’unione con la nobildonna Cecchina di Mastro Giacomo che nacque Camilla il 9 aprile 1458, primogenita di tutti i figli. Cresciuta ed educata nel palazzo paterno, assimilò anche lo spirito guerriero del padre, dedicando il suo tempo alle gioie giovanili come suonare, ballare, cantare e fare pazzie, così come lo racconta lei stessa nella sua autobiografia. Aveva da bambina fatto un voto, dopo aver ascoltato una predica del francescano Domenico da Leonessa, di versare una lacrima ogni venerdì in ricordo della Passione di Gesù. Ma questo voto mal si conciliava con la vita frivola e gioiosa che conduceva, perciò quando non le riusciva di versarla, ci rimaneva male per tutta la settimana. Diciottenne, pensò di ritirarsi a vita religiosa, ma in lei si accese una lotta,

 
Dalle Marche: Smaltire le eccedenze delle macerie post sisma PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Maggio 2021 17:41

Dalle Marche: Smaltire le eccedenze delle macerie post sismaMacerie post sisma, la Regione incontra associazioni e grandi aziende pubbliche per stimolare la domanda di riciclato e smaltire le eccedenze degli stabilimenti di trattamento. Chieste al Governo deroghe per l’aumento della capacità di lavorazione. Castelli: “Massima concertazione e collaborazione per sostenere la ricostruzione”. L’obiettivo è accelerare la ricostruzione post sisma avviata, non rallentandola con il problema del trattamento delle macerie che, specie negli stabilimenti del Maceratese, trova ostacoli a seguito del superamento delle quote ricevibili autorizzate. La strada da percorrere, individuata dalla Regione Marche, è quella di applicare il modello dell’economia circolare nella ricostruzione,

 
Dall’Italia: ANPC sull’inaugurazione della fontana di Mignano Monte Lungo PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Maggio 2021 17:05

Dall’Italia: ANPC sull’inaugurazione della fontana di Mignano Monte LungoDa ANPC Nazionale riceviamo e pubblichiamo: "30 maggio 2021: inaugurazione della fontana monumentale di Mignano Monte Lungo a ricordo dei 25 cittadini Mignanesi rastrellati e deportati in Germania il 23 settembre 1943. In rappresentanza dell'Anpc e della nostra Presidente Nazionale Mariapia Garavaglia, il nostro Consigliere Nazionale Aladino Lombardi".

da ANPC Nazionale

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 30 maggio PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Maggio 2021 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 30 maggio1830 - Oggi ricorre Pasqua Rosa, o sia Pentecoste. Altro Triduo in Onore di S. Emidio Votivo per la nostra Comunità (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/miscelanea-veritas/7077-oggi-30-maggio-accadde-pillole-di-storia-montenovese-quando-a-pasqua-rosa-si-faceva-il-triduo-a-santemidio-protettore-dei-terremoti).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie, consultare i volumi originali, il cui elenco

 
Accadde nel Mondo il 30 maggio PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Maggio 2021 00:00

Accadde nel Mondo il 30 maggioIl 30 maggio è il 150º giorno del Calendario Gregoriano (il 151º negli anni bisestili). Mancano 215 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

1416 - Girolamo da Praga è condannato al rogo per eresia.

1431 - A Rouen, in Francia, la diciannovenne Giovanna d'Arco viene bruciata sul rogo

1539 - In Florida, Hernando de Soto sbarca con 600 soldati a Tampa Bay, la sua missione era trovare l'oro

1574 - Enrico III diventa re di Francia

1588 - L'ultima nave dell'Invincibile Armada spagnola salpa da Lisbona in direzione del

 
Santo del giorno 30 maggio: Beato Carlo Liviero vescovo e fondatore PDF Stampa E-mail
Domenica 30 Maggio 2021 00:00

Santo del giorno 30 maggio: Beato Carlo Liviero vescovo e fondatoreCarlo Liviero nacque a Vicenza il 29 maggio 1866. Da Vicenza la famiglia si sposta a Monselice in provincia di Padova, dove il padre ferroviere viene trasferito, e qui frequenta le scuole elementari e il ginnasio, manifestando ben presto la sua vocazione per il sacerdozio e quindi nell’ottobre del 1881 entra nel seminario di Padova, dove si distingue per la sua profonda pietà, diligenza e applicazione allo studio. Il 30 novembre 1888 viene ordinato sacerdote a 22 anni, poco tempo dopo è inviato a Gallio, sull’altopiano di Asiago (Vicenza) detto dei Sette Comuni, per insegnare ai giovinetti inclini al seminario. Nel 1890 diventa Arciprete di Gallio e dopo 10 anni (1900) viene trasferito ad Agna nella Bassa Padovana (Padova), il cui territorio versava in sfavorevoli condizioni economiche, che si ripercuotevano sulla vita religiosa e morale dei suoi abitanti. Il parroco Liviero dà vita ad opere di ampio respiro per sollevare da ogni tipo di miseria i fedeli a lui affidati. Intraprese altresì una dura lotta contro l’anticlericalismo imperante propugnato con l’azione sovversiva dei rivoluzionari socialisti; i suoi parrocchiani lo denominarono così “martello del socialismo”. La sua concreta opera di

 
Ostra:Vetere: Sempre più vicino e sempre più forte PDF Stampa E-mail
Sabato 29 Maggio 2021 23:44

Ostra:Vetere: Sempre più vicino e sempre più forteCambieranno mai? Vorremmo sperarlo, ma perdiamo ormai la speranza, dopo tanti decenni di insensibilità. Eppure loro sarebbero anche ideologicamente vicini a quel "partito del cambiamento" che una ne fa e cento ne pensa, ma non pensa mai a come fare meglio. E il meglio è presto detto. Da anni insistiamo per sapere chi e perchè da 35 anni a questa parte ha deciso di distrarre i fondi che il Comune

 
Ostra Vetere: “montenovonostro” onora il guelfo bianco Dante Alighieri PDF Stampa E-mail
Sabato 29 Maggio 2021 18:53

Ostra Vetere: “montenovonostro” onora il guelfo bianco Dante AlighieriOnorare Dante Alighieri a 756 anni dalla nascita nel 1265 (ma quando è nato veramente questo benedetto Dante, fra il 22 maggio e il 13 giugno?) è un dovere cui non si sottrae nemmeno “montenovonostro”, nonostante la nostra strenua difesa del dialetto montenovese, mentre lui è il padre della lingua italiana. Eppure anche proprio come tale lo onoriamo. Oltre al montenovese, anche l’italiano è lingua nostra. Onore, quindi al grande italiano Dante. “montenovonostro” lo onora poi anche come “guelfo bianco”, come un po’ si sente di essere “montenovonostro”: in posizione intermedia fra gli estremi di oggi e di allora. Dante guelfo bianco ha espresso le sue idee politiche nelle sue opere e particolarmente nella “De monarchia”, in cui auspicava l'indipendenza del potere imperiale dal papa, pur riconoscendo a quest'ultimo una superiore autorità morale, parteggiando per la riforma che valorizzava i ceti intermedi nell’ambito della Repubblica fiorentina. Dante credeva, con Aristotele e san Tommaso d'Aquino, che lo Stato avesse un fondamento razionale e naturale. Professando

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 10 di 503