Regione_Marche.jpg

Login

Chi è online

 118 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Centro Cultura Popolare Santo del Giorno
Santo del Giorno
Santo del giorno 30 agosto: San Pietro di Trevi nel Lazio eremita PDF Stampa E-mail
Lunedì 30 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 30 agosto: San Pietro di Trevi nel Lazio eremitaPietro nacque a Rocca di Botte presso Carsoli in Abruzzo, dove visse fino alla gioventù per poi fuggire ad un matrimonio combinato dai suoi genitori e si allontanò andando a Tivoli, rimanendovi due anni alla scuola di un certo Cleto. San Pietro è una figura di santo che appartiene a quella schiera di eremiti itineranti che caratterizzarono la religiosità dei secoli XI-XII, cioè vivevano da soli o con piccolo gruppo e sostavano in un luogo per potersi poi allontanare verso altri, dopo aver predicato e convertito con la parola e con l’esempio della loro austera vita, vivendo di carità. Il suo maestro, quando vide che aveva raggiunto un’adeguata preparazione, lo presentò al vescovo di Tivoli, Gregorio, il quale gli diede la tonsura, una croce di ferro e il compito di andare a predicare la religione fra gli abitanti dei vari paesi della diocesi. Ritornò a Rocca di Botte e nei successivi due anni predicò incessantemente lì e nei luoghi vicini, come

 
Santo del giorno 29 agosto: Beati Giovanni da Perugia e Pietro da Sassoferrato martiri francescani PDF Stampa E-mail
Domenica 29 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 29 agosto: Beati Giovanni da Perugia e Pietro da Sassoferrato martiri francescaniGiovanni da Perugia, sacerdote, e Pietro da Sassoferrato, fratello laico, furono inviati da san Francesco d’Assisi in Spagna, secondo alcuni cronisti, nel 1217, nella spedizione diretta da fra Bernardo di Quintavalle o nel 1220, secondo altri. Fondatori del convento di Teruel (1220), andarono poi a Valenza per esercitare il ministero tra gli schiavi cristiani. Infiammati di santo zelo, si misero a predicare la verità del Vangelo e a ribattere gli errori dell’islamismo sulla pubblica piazza. Incarcerati dal governatore Ceid Abu Zeyd, e fermi nella loro fede, furono decapitati. Molto discussi sono il luogo del martirio (probabilmente nella piazza detta Figuera, Higuera, e poi Plaza de la Reina) e la data, che tradizionalmente viene fissata il 29 agosto 1231 e che da altri è anticipata al 1227-28. Ci sono però valide ragioni in favore di una data ancora anteriore al 1228 (e molto probabilmente il 1221) perché Ceid Abu Zeyd, che la leggenda vuole poi essersi convertito per l’intercessione dei martiri e aver ceduto un suo palazzo per convento ai frati dopo la conquista di Valenza (1238), era stato deposto dal suo

 
Santo del giorno 28 agosto: Santi Padri della Laura delle Grotte di Kiev PDF Stampa E-mail
Sabato 28 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 28 agosto: Santi Padri della Laura delle Grotte di KievI santi Padri della Laura delle Grotte di Kiev, che riposano nelle grotte lontane (di San Teodosio), dei quali si fa memoria sono: il monaco martire Luciano, i monaci Teodosio l'Eminentissimo, Mosè il Taumaturgo, Lorenzo il Recluso, Ilarione lo Schimonaco, Pamuzio il Recluso, Martirio il Diacono, Teodoro principe Ostrozskij, Atanasio il Recluso, Dionisio il Recluso, Teofilo arcivescovo di Novgorod, Zinone il Digiunatore, Gregorio il Taumaturgo, Ipazio il Curatore, Giuseppe il Grande Sofferente, Paolo l'Obbediente, Sisoj lo Schimonaco, Nestore l'Illetterato, Pamva il Recluso, Teodoro il Silenzioso, Sofronio il Recluso, Pancrazio il Recluso, Anatolio il Recluso, Ammone il Recluso, Mardario il Recluso, Pietro il Recluso, Martirio il Recluso, Rufo il Recluso, Beniamino il Recluso, Cassiano il Recluso, Arsenio il Laborioso, Eutimio lo Schimonaco, Tito il Guerriero, Achila il Diacono,

 
Santo del giorno 27 agosto: Beato Angelo da Foligno sacerdote agostiniano PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 27 agosto: Beato Angelo da Foligno sacerdote agostinianoIl beato Angelo nacque a Foligno nel 1226 dalla nobile famiglia dei Conti. Negli anni 1293 e 1297 si trovava a Gubbio. Uomo di grande pietà, dopo la grande unione dell’Ordine Agostiniano, avvenuta nel 1256 per volontà della Santa Sede, fondò conventi agostiniani nel centro Italia tra i quali anche quello di Convento di Sant' Agostino nella sua città natale. In tutta la sua vita si distinse per pazienza, spirito d’orazione, mortificazione e singolare pietà. Morì a Foligno il 27 agosto 1312. Leone XIII ne approvò il culto nel 1881. Le sue reliquie riposano nella Chiesa di Sant'Agostino a Foligno. La sua memoria liturgica ricorre il 6 settembre.

estratto da: http://www.santiebeati.it

da Centro Cultura Popolare

 
Santo del giorno 26 agosto: Sant'Alessandro di Bergamo martire PDF Stampa E-mail
Giovedì 26 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 26 agosto: Sant'Alessandro di Bergamo martireAlessandro, patrono della città di Bergamo, è raffigurato tradizionalmente in veste di soldato romano con un vessillo recante un giglio bianco. Il vessillo sarebbe stato quello della Legione Tebea comandata da san Maurizio (legione romana composta secondo la leggenda da soldati egiziani della Tebaide) nella quale Alessandro sarebbe stato, secondo gli Atti del martirio, comandante di centuria. La legione romana utilizzata in prevalenza in oriente, venne spostata nel 301 in occidente per controbbattere gli attacchi dei Quadi e dei Marcomanni. Durante l'attraversamento del Vallese, alla legione fu ordinato di ricercare i cristiani contro i quali era stata scatenata una persecuzione. I legionari, cristiani a loro volta, si rifiutarono e per questa insubordinazione vennero puniti con la decimazione eseguita ad Agaunum (oggi Saint Moritz). La decimazione consisteva nell'uccisione di un uomo ogni dieci. Al perdurare del rifiuto dei legionari di perseguitare i cristiani, fu eseguita una seconda decimazione e quindi l'imperatore ordinò lo sterminio. Pochi furono i superstiti, tra cui Alessandro, Cassio, Severino, Secondo e Licinio che ripararono in Italia. A Milano Alessandro fu però riconosciuto e incarcerato, dove rifutò di abiurare. In carcere

 
Santo del giorno 25 agosto: Beato Paolo Giovanni Charles sacerdote martire PDF Stampa E-mail
Mercoledì 25 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 25 agosto: Beato Paolo Giovanni Charles sacerdote martireNelle ore più oscure della rivoluzione francese sacerdoti e religiosi, considerati nemici del popolo, furono inseguiti, arrestati e ammassati nelle carceri dei diversi dipartimenti, prima di essere condotti - spesso con marce forzate - verso la costa, per essere deportati. Questa deportazione nella Guyana per molti di loro non avverrà mai. Nella primavera del 1794 soggiorneranno nelle fortezze della Gironda o su delle navi negriere, soprattutto la"Deux Associés" e la "Washington", ancorate nella rada dell'isola di Aix, vicino a Rochefort.  Su queste navi, "i pontoni", le condizioni di vita sono tali che, in qualche mese, due terzi dei deportati trovarono la morte: 547 morti su 829. L'affollamento eccessivo, le fumigazioni mattutine che impestavano le stive invece di purificarle, il nutrimento malsano e insufficiente e, ben presto, il tormento dei pidocchi fecero dei pontoni un vero inferno. Il colpo di stato del 9 Termidoro addolcirà un poco quella che sarà chiamata "la ghigliottina secca". Sull'isola Madame verrà rizzato un ospedale di tende, dove moriranno ancora numerosi prigionieri. Don Paolo Charles era priore a Sept-Fons,

 
Santo del giorno 24 agosto: Sant'Audoeno vescovo di Rouen PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 24 agosto: Sant'Audoeno vescovo di RouenAudoeno, detto anche Dadone, nacque intorno al 600 nei pressi di Soissons da una nobile famiglia, ricevette una pia educazione cristiana e da fanciullo ricevette la benedizione del grande abate san Colombano (543-615), ospite dei suoi genitori. Ancora giovane fu ammesso alla corte di Clotario II (584-629) re dei Franchi, dove si legò in amicizia ai futuri vescovi e santi, Eligio, Sulpizio, Desiderio e altri. Dopo la morte di re Clotario II, proseguì la sua vita a corte con il successore, Dagoberto I (600-638) figlio di Clotario, crescendo ancor più nella considerazione e influenza. Nel 636, Audoeno fondò un monastero a Rebais, richiedendo dei monaci per popolarlo alla grande abbazia di Luxeuil, fondata nel 590 da san Colombano e successivamente soggetta alla regola benedettina, con l’approvazione del vescovo di Meaux e del re Dagoberto I. Fu tale la sua fama di santità, che a 40 anni, nel 640, benché ancora un laico, venne eletto vescovo di Rouen. Dopo aver trascorso un anno, nell’approfondimento dello studio della dottrina, fu consacrato 24° vescovo della diocesi, il 13 maggio 641. Partecipò al Concilio di Châlon-sur-Saône (647-649), consacrò le chiese delle abbazie di Fontanelle e di Jumièges, protesse e favorì l’espandersi della vita monastica nella sua diocesi, aiutato anche dai suoi vecchi amici di corte, san Wandrillo e san Filiberto, fondatori ciascuno delle due abbazie. Combatté strenuamente contro la simonia che affliggeva il clero locale. Divenne uno dei consiglieri più ascoltati di santa Batilde, madre di Clodoveo II re di Neustria e dei Franchi, morto prematuramente a 18 anni (638-656), la quale divenne reggente del regno finché non fu costretta a ritirarsi nell’abbazia di Chelles († 30-1-680). Nel 676 compì un pellegrinaggio a Roma, un’impresa per quell’epoca; al ritorno da

 
Santo del giorno 23 agosto: San Sidonio di Aix-en-Provence vescovo PDF Stampa E-mail
Lunedì 23 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 23 agosto: San Sidonio di Aix-en-Provence vescovoSan Sidonio è ricordato come il secondo vescovo della diocesi di Aix-en-Provence in Gallia, ora Francia, che fu fondata nel primo secolo d.C. da san Massimino. Secondo la tradizione medievale sia San Massimino, che San Sidonio sbarcarono in Provenza al seguito di Lazzaro, Marta, Maria Maddalena e altri discepoli. Si presume perciò che San Sidonio sia nato alcuni anni avanti Cristo e sia morto intorno all’80 dopo Cristo. Vissuto ai tempi di Gesù, un’antica tradizione vuole che fosse il cieco dalla nascita protagonista del famoso miracolo descritto dai Vangeli. Alla vista del cieco i discepoli chiesero a Gesù se era senza vista per colpa sua o per colpa dei suoi genitori. Gesù rispose “Né lui ha peccato né i suoi genitori, ma è così perché si manifestassero in lui le opere di Dio”. E così venne descritto da Giovanni il miracolo: “Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò il fango sugli occhi del cieco e gli disse: «Va' a lavarti nella piscina di Siloe (che significa Inviato)». Quegli andò, si lavò e tornò che ci vedeva”. San Sidonio dopo l’arrivo in Provenza, divenne un seguace di San Massimino vescovo, e alla sua morte, avvenuta intorno all’anno 40 d.C., fu indicato quale suo successore. Morto intorno all’anno 80 d.C., la sua tomba fu collocata nella cripta della Basilica di Santa Maria Maddalena a Sain-Maxmin-la-

 
Santo del giorno 22 agosto: Sant'Andrea da Fiesole (Andrea Scoto) confessore PDF Stampa E-mail
Domenica 22 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 22 agosto: Sant'Andrea da Fiesole (Andrea Scoto) confessoreAndrea Scoto nacque nella prima metà del secolo IX, probabilmente in Irlanda: poiché in molti paesi europei a qualsiasi pellegrino si dava il nome di "Scotus", da questo deve essere nata la leggenda di un Andrea Scoto. Andrea, dunque, fu educato da Donato, irlandese, maestro di filosofia, e successivamente lo seguì in un pellegrinaggio a Roma. Giunti a Fiesole, chiamato da una voce soprannaturale, Donato fu eletto dal popolo vescovo e rimase in carica quarantasette anni. Andrea fu ordinato diacono e come arcidiacono assistette Donato nel suo ministero, acquistandosi grande rinomanza per l'austerità di vita e la carità senza limiti. Restaurata la chiesa di San Martino, distrutta dagli Ungari, Andrea costruì vicino ad essa un monastero e vi si ritirò con alcuni compagni. E' molto dubbio se egli abbracciò la regola benedettina: il Mabillon, comunque, lo esclude dal Catalogo dei santi dell'Ordine. Pochi anni dopo la morte di Donato (circa 876) anche Andrea cadde gravemente malato e, prima di morire, fu esaudito nel suo ardente desiderio di vedere la sorella, santa Brigida junior, che molti anni prima aveva lasciato in Irlanda: Brigida,

 
Santo del giorno 21 agosto: Santa Ciriaca di Roma PDF Stampa E-mail
Sabato 21 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 21 agosto: Santa Ciriaca di RomaCiriaca di Roma è commemorata il 21 agosto nel Martirologio Romano, inseritavi dal Baronio sull'autorità di una passio che si conservava nella Biblioteca Vallicelliana. Secondo questo testo, Ciriaca era una nobile romana che, rimasta vedova dopo undici anni di matrimonio, mise se stessa e i suoi beni a disposizione dei cristiani che, durante la persecuzione, si riunivano nella sua casa, sita sul Celio, per celebrarvi i divini misteri. Conobbe anche san Lorenzo che la guarì da un mal di capo; dopo la morte del santo, al tempo della persecuzione di Decio, fu arrestata e sottoposta a terribili tormenti, durante i quali morì il 23 agosto. Il suo corpo fu sepolto nell’ «agro Verano», non lontano da quello di san Lorenzo, in un suo podere. Già nella complessa passio Polychronii si accennava ai rapporti tra Ciriaca e Lorenzo, ma senza riferimento al martirio della vedova, mentre gli Itinerari del secolo VII indicano la tomba di Ciriaca accanto a quella del famoso

 
Santo del giorno 20 agosto: San Bernardo di Chiaravalle abate e dottore della Chiesa PDF Stampa E-mail
Venerdì 20 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 20 agosto: San Bernardo di Chiaravalle abate e dottore della ChiesaBernardo, a ventidue anni si fa monaco, attirando con sé una trentina di parenti. Il monastero è quello fondato da Roberto di Molesmes a Cîteaux (Cistercium in latino, da cui cistercensi). A 25 anni lo mandano a fondarne un altro a Clairvaux, campagna disabitata, che diventa la Clara Vallis sua e dei monaci. È riservato, quasi timido. Ma c’è il carattere. Papa e Chiesa sono le sue stelle fisse, ma tanti ecclesiastici gli vanno di traverso. È severo anche coi monaci di Cluny, secondo lui troppo levigati, con chiese troppo adorne, "mentre il povero ha fame". Ai suoi cistercensi chiede meno funzioni, meno letture e tanto lavoro. Scaglia sull’Europa incolta i suoi miti dissodatori, apostoli con la zappa, che mettono all’ordine la terra e l’acqua, e con esse gli animali, cambiando con fatica e preghiera la storia europea. E lui, il capo, è chiamato spesso a

 
Santo del giorno 19 agosto: Sant'Andrea il Tribuno e compagni soldati martiri PDF Stampa E-mail
Giovedì 19 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 19 agosto: Sant'Andrea il Tribuno e compagni soldati martiriIl Martyrologium Romanum commemora oggi i santi Andrea, tribuno, e i soldati suoi compagni, che, come si tramanda, ottenuta per aiuto divino la vittoria sui Persiani in Cilicia, nell’odierna Turchia, si convertirono alla fede di Cristo: accusati per questo crimine, furono trucidati nelle gole del monte Tauro dall’esercito del governatore Seleuco sotto l’imperatore Massimiano, Gaio Galerio Valerio Massimiano (in latino: Gaius Galerius Valerius Maximianus; Serdica, 250 circa – Serdica, 5 maggio 311) che è stato imperatore romano durante la tetrarchia dal 293 fino alla sua morte nel 311, e conseguì una grande e prestigiosa vittoria contro i Sasanidi sul limes orientale, a seguito della quale i Romani ottennero condizioni di pace favorevolissime nel 298).

estratto da: http://www.santiebeati.it

da Centro Cultura Popolare

 
Santo del giorno 18 agosto: Beati 64 Martiri nei Pontoni di Rochefort durante la Rivoluzione Francese PDF Stampa E-mail
Mercoledì 18 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 18 agosto: Beati 64 Martiri nei Pontoni di Rochefort durante la Rivoluzione FranceseLa Rivoluzione Francese, come tutte le rivoluzioni che presuppongono un capovolgimento violento delle classi al potere con i rivoltosi, lasciò dietro di sé un lago di sangue, morti ingiuste, delitti e violenze. E la Chiesa Cattolica, che in ogni rivoluzione avvenuta nel mondo, sin dalle sue origini, ha dovuto pagare un tributo di sangue, anche in questa ebbe innumerevoli martiri, morti per il solo fatto di essere religiosi. L’Assemblea Costituente nel 1789, dopo aver confiscato tutti i beni ecclesiastici e soppresso gli Istituti religiosi, decretò la Costituzione Civile del Clero, per cui vescovi e parroci, dovevano essere eletti con il voto popolare e imponendo al clero il giuramento di adesione alla Costituzione stessa: Ci fu chi aderì (clero giurato) e chi non lo volle fare (clero “refrattario”). L’Assemblea Legislativa

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 31