Provincia_Ancona.jpg

Login

Chi è online

 101 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Centro Cultura Popolare Santo del Giorno
Santo del Giorno
Santo del giorno 13 ottobre: San Romolo di Genova vescovo PDF Stampa E-mail
Giovedì 13 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 13 ottobre: San Romolo di Genova vescovoNon vi sono notizie certe sul tempo in cui visse san Romolo vescovo di Genova, ma per deduzione si può pensare che sia stato nel secolo V perché l’ “Archa Tophea” in cui il Santo fu deposto e di cui si parla in un’unica biografia anonima del X secolo è una forma di sarcofago usato in Liguria appunto nel V secolo. Succedette sulla cattedra vescovile genovese ai gloriosi san Felice e san Siro. Nota caratteristica del suo ministero pastorale fu la bontà “sembrava più un padre che un signore…. era il padre dei poveri….” vero competente per eliminare discordie di ogni genere. Trovandosi a visitare l’estrema parte della Liguria Occidentale che allora faceva parte della Diocesi di Genova, precisamente ‘Matuta’ odierna Sanremo, fu colto dalla morte e venne sepolto nella chiesa di San Siro, divenendo subito oggetto di grande venerazione per i prodigi operati. Secondo la tradizione locale sanremese, Romolo aveva ricevuto una educazione nella terra di Matuta, fu quindi eletto vescovo di Genova e in seguito per

 
Santo del giorno 12 ottobre: Sant'Opilio (Opilione) di Piacenza diacono PDF Stampa E-mail
Mercoledì 12 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 12 ottobre: Sant'Opilio (Opilione) di Piacenza diaconoSant’Opilio o Opilione è un diacono di Piacenza. Comunemente è ricordato insieme al fratello San Gelasio e al vescovo piacentino San Mauro. I tre santi vengono quasi sempre ricordati in un unico capitolo dai pochi biografi, e sono definiti sempre con le stesse caratteristiche. Sant’Opilio fu un grande esempio per la sua pietà, il suo spirito di austera penitenza e la sua viva carità verso il prossimo. La tradizione vuole che spartisse con i poveri il cibo che la madre gli inviava attraverso San Gelasio, suo fratello. In quanto accolito partecipò alla traslazione del corpo di Sant’Antonino, voluta da San Savino. La data di morte di Sant’Opilio si colloca nella prima metà del V Secolo. Le sue ossa riposano nella basilica di Sant’Antonino e alcune reliquie furono portate dal vescovo Giovanni Battista Scalabrini,

 
Santo del giorno 11 ottobre: San Gramazio di Salerno vescovo PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 11 ottobre: San Gramazio di Salerno vescovoSan Grammazio o Gramazio è il secondo vescovo di Salerno. Nella cronotassi della diocesi figura dopo il protovescovo San Bonosio. La sua attestazione è nel portale ufficiale della Diocesi, anche se in alcuni testi viene chiamato Gramazio (Bibliotheca Sanctorum). Della vita di questo santo non sappiamo nulla, in quanto non sono rimasti documenti sui primi vescovi di Salerno. Di sicuro sappiamo che nel 1026 esisteva in città una chiesa a lui dedicata, che essendo parrocchia, viene ricordata nel sinodo celebrato dall’arcivescovo Marco Antonio Marsilio Colonna nel 1579. Tale chiesa fu soppressa come parrocchia nel 1846. Inoltre sulla presenza di questo santo presule, il 29 marzo 1670, l’arcivescovo Gregorio Carafa, che aveva

 
Santo del giorno 10 ottobre: San Germano di Verona vescovo PDF Stampa E-mail
Lunedì 10 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 10 ottobre: San Germano di Verona vescovoSan Germano è il diciannovesimo vescovo di Verona. Nella cronotassi ufficiale della diocesi scaligera figura dopo San Valenzio e prima di San Felice. Di questo vescovo non si può garantire la cronotassi esatta, infatti, nell’elenco dei vescovi fino al XI secolo la questione resta ancora aperta. Si presume sia morto intorno all’anno 475, e il suo corpo sepolto in San Procolo. I suoi resti sono stati traslati una prima volta, nel 1806 nella basilica di San Zeno maggiore e nel 1988 nel luogo originario. Nel “Catalogus Sanctorum Ecclesiae Veronensis”, monsignor Franco Segala ne trascrive l’elogium dal Martirologio della chiesa veronese: “Veronae sancti Germani eiusdem civitatis episcopi (qui Evangelicae disciplinae propagandae incredibili studio inflammatus, magnam apud populum

 
Santo del giorno 9 ottobre: Beato Andrea da Domodossola canonico lateranense PDF Stampa E-mail
Domenica 09 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 9 ottobre: Beato Andrea da Domodossola canonico lateranenseIl beato Andrea da Domodossola, è un canonico lateranense vissuto nel XV secolo. Sentita la vocazione fin da giovane, come scrive il Massa: “Si avviò dalla sua adolescenza alla carriera Ecclesiastica, alla quale fin dalla sua puerizia si sentiva inclinato”.  Divenuto sacerdote, dopo aver incontrato forti ostacoli nell’esercizio delle sue funzioni, decise di entrare nella congregazione dei Canonici Lateranensi. I Canonici erano arrivati a Novara intorno al 1470, chiamati dal vescovo Giovanni Arcimboldi. Il beato Andrea Viene ricordato come un religioso che visse con grande zelo il suo lavoro apostolico e che ebbe “grande fama di difensore dei diritti ecclesiastici e di vero operaio evangelico”. Sappiamo che morì a Novara, nel convento della Madonna delle Grazie nell’anno 1500. In quel convento era conservato il suo copro fino alla soppressione del suo ordine. Il beato Andrea da Domodossola era festeggiato nel giorno 9 ottobre.

estratto da: http://www.santiebeati.it

da Centro Cultura Popolare

 
Santo del giorno 8 ottobre: San Demetrio di Cassino martire PDF Stampa E-mail
Sabato 08 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 8 ottobre: San Demetrio di Cassino martireDemetrio è un martire vissuto nel Primo secolo. Chi ci fornisce alcune indicazioni biografiche, non troppo attendibili, è Pietro Diacono, un monaco cassinese del XII secolo. Nella sua leggenda su Demetrio di Cassino racconta che questi era il fratello di Dionigi Areopagita, che sarebbe stato mandato da Papa Clemente I in Gallia per nominare Sanl’Evurzio vescovo di Orléans. Una volta tornato in patria al tempo di Diocleziano, san Demetrio si sarebbe ritirato in una cripta di Montecassino, con due compagni,

 
Santo del giorno 7 ottobre: San Quarto di Capua vescovo PDF Stampa E-mail
Venerdì 07 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 7 ottobre: San Quarto di Capua vescovoTra le figure del mosaico absidale della chiesa di San Prisco presso Capua, risalente alla fine del secolo IV, c'era anche quella di Quarto. Il suo nome è ricordato poi nel Martirologio Geronimiano al 7 ottobre e al 5 novembre. Nessun dubbio che si tratti di un martire dei primi secoli, anche se nel secondo latercolo del Geronimiano è detto con­fessore, ma di lui niente si conosce. Il latercolo del Geronimiano fu tra­scritto dai martirologi storici e da questi passò anche nel Romano, in cui il Baronio vi aggiunse che i corpi di Quarto e Quinto sarebbero stati trasfe­riti a Capua. La notizia che Quarto sia stato vescovo di Capua apparve per la prima volta in un calendario diocesano della fine del secolo XV. Qualche studioso ha avanzato l'ipo­tesi che Quarto sia il martire romano sepolto insieme con Quinto sulla via Latina, sia perché anche que­sto santo nel predetto mosaico è raffigurato ac­canto a Quarto, sia perché quasi tutto il gruppo di destra dello stesso mosaico riproduce santi ro­mani martiri, sicuramente dopo il 269. Gli “Itinerari” del VII secolo, comunque, indicano il loro sepolcro nella chiesa dei Santi Gordiano ed Epimaco con l'indicazione topografica ad

 
Santo del giorno 6 ottobre: San Renato di Sorrento Vescovo PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 6 ottobre: San Renato di Sorrento VescovoAlcuni studiosi della chiesa sorrentina, dicono che fu il secondo vescovo della città, altri dicono che ne fu il primo, probabilmente fu uno di quegli eremiti, come Catello di Castellammare e Antonino di Sorrento, che vissero tra il VI e IX secolo, sulle colline della penisola sorrentina. L’omelia del santo composta sulla fine del secolo VIII, non gli dà il titolo di vescovo, né tantomeno è citato come tale nella ‘Vita’ di sant’Antonino abate, del secolo IX, dove è narrato che Renato appare nelle sembianze di vecchio venerando senza capelli e con la barba insieme ai santi patroni di Sorrento, Antonino, Atanasio, Bacolo e Valerio, al nobile napoletano Sergio Pipino alla vigilia della battaglia contro i saraceni dell’846. Il romitorio di Renato sembra sia diventato la prima cattedrale di Sorrento e affidato ai Benedettini di Montecassino, sin dal secolo. VIII, i quali nel 1603 eressero una grande basilica accanto al vecchio oratorio, durante i lavori vennero alla luce reliquie attribuite ai santi Renato e Valerio. Il culto si

 
Santo del giorno 5 ottobre: Beato Pietro da Imola Cavaliere di Malta PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 5 ottobre: Beato Pietro da Imola Cavaliere di MaltaIl beato Pietro nacque verso la metà del secolo XIII da un Giacomo di Antonio, appartenente alla nobile famiglia ghibellina dei Pattareni, signori di Linaro dal 1137. Valentissimo giureconsulto (l'Imolensis), il suo nome compare in svariati documenti imolesi: nel 1289 come iudex, cioè magistrato, e nel 1299 come artefice principale delle trattative di pace tra guelfi e ghibellini in Romagna; una carta del 1310 fu redatta “in domo ser Petri de Patarenis”, casa poi meglio identificata con quella dei conti Zampieri. Nel 1311, quando i ghibellini furono banditi dalla Romagna, Pietro trovò rifugio a Firenze, dove non mancò di impegnarsi in opere di carità negli ospedali. Si fece cavaliere dell'ordine militare di San Giovanni di Gerusalemme, oggi noto come Ordine di Malta. Eletto Gran Priore di Roma, fece poi ritorno a Firenze dove diresse la Commenda di San Giacomo in Corbolino, una piccola chiesetta che ancora oggi si affaccia su via Faenza, interamente dedito alle opere di carità e all'assistenza degli infermi. Nel capoluogo

 
Santo del giorno 4 ottobre: San Caio di Corinto PDF Stampa E-mail
Martedì 04 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 4 ottobre: San Caio di CorintoCaio è personaggio del Nuovo Testamento, ospite di san Paolo durante il soggiorno dell'apostolo a Corinto nel 57 o 58 d.C., da lui battezzato personalmente in segno di distinzione, è venerato il 4 ottobre nel Martirologio Romano insieme con san Crispo archisinagogo di Corinto. Universalmente ammessa è l'identità fra il Caio delle due epistole paoline citt.: in I Cor. 1, 14 si ricorda la distinzione del battesimo che san Paolo concesse, a Corinto, soltanto a Caio, a Crispo, e alla famiglia di Stefana; in Rom. 16, 23 si loda l'ospitalità concessa da Caio all'apostolo e "a tutta la chiesa" (la Volgata, invece, e alcuni codd. della Vetus latina portano "salutat vos Caius hospes meus et universa ecclesia"), e

 
Santo del giorno 3 ottobre: San Benedetto di Como vescovo PDF Stampa E-mail
Lunedì 03 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 3 ottobre: San Benedetto di Como vescovoNel catalogo dei vescovi di Como, composto da B. Giovio nel 1532 e pubblicato a Venezia nel 1629, Benedetto occupa il ventunesimo posto. Poiché al venti­treesimo sta il vescovo Deusdedit (Adeodato), che viveva nel 721, sembra potersi dedurre, se il ca­talogo è esatto, che Benedetto sia vissuto alla fine del secolo VII o all'inizio del successivo. Gli estremi del suo episcopato dati dall'Ughelli (680-692) man­cano di prove. Il dies natàlis di Benedetto ricorre il 3 ottobre, ma egli non fu venerato che qualche secolo dopo la

 
Santo del giorno 2 ottobre: San Teofilo di Bulgaria monaco PDF Stampa E-mail
Domenica 02 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 2 ottobre: San Teofilo di Bulgaria monacoIl nome di Teofilo significa "Amico di Dio". Quello di oggi è un monaco, non soltanto amico di Dio, ma anche amico dell'arte. S'intende dell'arte sacra, che fu messa in pericolo, a Costantinopoli, nell'VIII secolo, a causa del decreto di Leone III l'Isaurico ai cosiddetti "Iconoclasti" che potrebbero esser chiamati "spezza immagini". La preoccupazione che l'arte cristiana potesse dar luogo a una nuova idolatria, aveva più volte spinto alcuni Vescovi a frenare la tendenza devozionale verso le immagini sacre. Ma il Papa Gregorio Magno, con un sua opportuna lettera, aveva già messo in guardia dall'eccesso di zelo da parte di coloro che per evitare la ricaduta nell'idolatria avevano addirittura bandito le immagini dalle chiese. Egli, con paterna sollecitudine, vedeva nell'Arte sacra un mezzo per istruire e per edificare il popolo cristiano non in condizione di possedere o di leggere libri. Ma alla Corte di Costantinopoli,

 
Santo del giorno 1° ottobre: San Bavone di Gand eremita PDF Stampa E-mail
Sabato 01 Ottobre 2022 00:00

Santo del giorno 1° ottobre: San Bavone di Gand eremitaBavone nacque in una famiglia di alto rango sociale e sposò la figlia del conte merovingio Adilone ed ebbe una figlia di nome Agletrude. La giovane moglie morì e Bavone, colpito dalla disgrazia, interruppe la sua vita dissoluta e cadde in preda a una crisi morale, che fu il punto di partenza della sua conversione. Si recò da sant’Amando che stava predicando alle popolazioni ancora pagane della regione di Gand e per suo consiglio distribuì ai poveri le sue terre di Hesbaye, dove era nato ed entrò nel monastero di Ganda come religioso, monastero appena fondato da sant’Amando e che in seguito si chiamerà ‘San Bavone di Gand’. Divenne discepolo del santo missionario e lo seguì nelle sue peregrinazioni apostoliche nelle Fiandre; dopo un certo tempo ritornò a Ganda dove, fattosi costruire una piccola cella nel cavo di un grosso albero, condusse vita eremitica e

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 43