Comune_di_Ostra_Vetere.jpg

Login

Chi è online

 181 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Centro Cultura Popolare Santo del Giorno
Santo del Giorno
Santo del giorno 4 agosto: Sant’Eleuterio martire PDF Stampa E-mail
Mercoledì 04 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 4 agosto: Sant’Eleuterio martireSecondo il Martirologio Romano, che lo ri­corda il 4 agosto, Eleuterio era senatore e morì a Costantino­poli, decapitato per ordine dell'imperatore Mas­simiano Galerio. I sinassari greci, invece, lo com­memorano il 25 agosto. Eleuterio non era però di Costanti­nopoli, ma in quella città esisteva una chiesa a lui dedicata, costruita al tempo dell'imperatore Arcadio (395-405). La fonte più antica su di lui è un di­scorso, recitato nel giorno della sua festa, certamente prima del secolo X, in cui l'autore raccoglie tradi­zioni orali intorno a Eleuterio. Secondo questo scritto non si conoscevano né i genitori né la patria del martire; si sapeva soltanto che era cubiculario del­l'imperatore Massimiano e da lui benvoluto. Pur non essendo ancora cristiano, praticava le virtù del Cristianesimo e poiché alla corte gli era impos­sibile manifestare la sua fede, decise di allonta­narsi da essa. Adducendo quindi motivi di salute si recò in Bitinia dove comprò un podere presso il fiume Sangari (attuale Sakarya), vi costruì una casa e in essa un oratorio sotterraneo. Fattosi poi battezzare da un presbitero del luogo, Eleuterio viveva tranquillo nella pratica della nuova religione. Il suo allontanamento dalla corte imperiale, però, su­scitò i sospetti di Massimiano il quale, informato anche da un servo di Eleuterio, volle recarsi nella villa del suo cubiculario per rendersi edotto delle cose: scoprì l'oratorio e, ormai sicuro che Eleuterio era divenuto cristia­no, tentò prima con lusinghe di farlo ritornare al paganesimo e alla corte, ma poi, vedendo inutile ogni tentativo, lo condannò alla decapitazione. Il corpo di Eleuterio fu sepolto nello stesso oratorio della sua villa, dove più tardi, quando ritornò la pace, fu costruita una grande chiesa, nel luogo in cui avvenne il martirio di Eleuterio presso il fiume Sakarya nella regione chiamata Tarsia, a est del lago di Sabandja, non lontano da Nicomedia, tra il 305 ed il 310.

estratto da: http://www.santiebeati.it

da Centro Cultura Popolare

 
Santo del giorno 3 agosto: Beato Gregorio abate di Nonantola PDF Stampa E-mail
Martedì 03 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 3 agosto: Beato Gregorio abate di NonantolaIl beato Gregorio è il sedicesimo successore di sant’Anselmo nell’elenco degli abati di Nonantola presso Modena. L'abbazia di Nonantola fu fondata nel 752 da Anselmo, su un territorio ricevuto in dono dal proprio cognato, il re Astolfo. Anselmo, già duca del Friuli, era diventato un monaco benedettino. La fondazione dell'abbazia dava ai Longobardi la possibilità di

 
Santo del giorno 2 agosto: Perdono di Assisi (Indulgenza della Porziuncola) PDF Stampa E-mail
Lunedì 02 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 2 agosto: Perdono di Assisi (Indulgenza della Porziuncola)La maestosa Basilica di Santa Maria degli Angeli in Porziuncola, costruita su interessamento di san Pio V a partire dal 1569 e che sorge a circa 4 chilometri da Assisi, racchiude tra le sue mura l’antica cappella della Porziuncola, legata alla memoria di san Francesco d’Assisi, essendo la stessa culla degli ordini francescani. Oggi essa sulla sua facciata ha un affresco raffigurante l’istituzione del Perdono di Assisi, opera di G. F. Overbek di Lubecca (1829-1830), il quale ha così voluto decorare quell’insigne luogo. Le volte annerite, le pareti sobrie con tracce di affreschi del XIV secolo, all’interno, creano un ambiente suggestivo che invita alla preghiera. Dietro l’altare vi è uno splendido polittico, con fondo in oro del prete Ilario da Viterbo (1393), nel cui centro è raffigurata “L’Annunciazione” e nei riquadri circostanti episodi della vita di san Francesco in relazione sempre alla concessione dell’indulgenza del Perdono. Il santo pontefice Pio X ha elevato la Chiesa di Santa Maria degli Angeli alla dignità di Basilica Patriarcale, con

 
Santo del giorno 1° agosto: Beato Rodolfo monaco vallombrosano PDF Stampa E-mail
Domenica 01 Agosto 2021 00:00

Santo del giorno 1° agosto: Beato Rodolfo monaco vallombrosanoRodolfo, per la sua posizione preminente da lui tenuta in alcuni avvenimenti importanti all´interno della nuova congregazione vallombrosana, è ricordato nella Vita Anonima di San Giovanni Gualberto (995-1073). A lui, giunto tra i primi alla sequela dell´asceta nell´eremo di Vallombrosa, venne affidata la cura degli ospiti e per l´esattezza con la quale assolveva la delicata mansione, oltre alla predilezione che per lui nutriva san Giovanni Gualberto, fu inviato abate al monastero di San Pietro di Moscheta. Per le sue qualità e per la sua presenza negli avvenimenti che hanno caratterizzato lo stabilirsi della congregazione, il fondatore lo prescelse quale successore; cosí è detto nella lettera scritta sul punto di morire da san Giovanni Gualberto a tutti i monaci. La scelta del suo “Rodingo”, cosí lo chiamava, significava continuità. Si adormentò nel Signore il 2

 
Santo del giorno 31 luglio: Beata Zdenka Cecilia Schelingova martire PDF Stampa E-mail
Sabato 31 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 31 luglio: Beata Zdenka Cecilia Schelingova martireCecilia Schelingova nacque il 25 dicembre 1916 a Krivá, nel distretto di Dolny in Slovacchia, penultima di 11 figli. I suoi genitori Pavol e Zugana, onesti contadini, impartirono ai loro figli un’educazione religiosa, fondata sulla preghiera e sull’onestà nel lavoro. Si distinse fra i compagni di scuola per diligenza, obbedienza e nella prontezza ad aiutare gli altri. Attratta dalla carità e dal servizio delle Suore della Carità della Santa Croce, appena quindicenne volle entrare nella loro Congregazione, con il consenso orgoglioso dei suoi familiari. Fece il suo noviziato, abbinando nel contempo la scuola infermieristica e il 30 gennaio 1937 emise i primi voti, cambiando il nome in Zdenka (Sidonia). Con il diploma di infermiera svolse questa attività a Humenné e dal 1942 in poi, circondata da stima per le sue qualità, lavorò nel reparto di radiologia dell’Ospedale Statale di Bratislava con competenza, generosità e amore per gli ammalati, da molti considerata un “modello di suora e di infermiera professionale”. Nel 1948

 
Santo del giorno 30 luglio: San Terenzio di Imola diacono ed eremita PDF Stampa E-mail
Venerdì 30 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 30 luglio: San Terenzio di Imola diacono ed eremitaTerenzio, nato a Imola, trascorse la sua infanzia presso la Cattedrale, dove ricevette l'istruzione e l'ordinazione al diaconato. Si recò poi a Faenza presso l'ospedale e la Chiesa di Santa Croce, tutto dedito al servizio dei poveri e al culto divino. Il miracolo che operò guarendo un cieco di Imola, lo circondò di tanta ammirazione che, turbato nella sua umiltà, si ritirò eremita nella foresta infestata da lupi a San Pietro in Laguna, poche miglia a nord di Faenza. Anche qui compì numerose guarigioni. Infine, avvertito da un angelo della sua prossima morte, si preparò santamente all'incontro con il Signore, convocando gli eremiti della zona, dando loro alcune raccomandazioni e si addormentò santamente. Il suo corpo fu sepolto inizialmente nella vicina chiesa della Celletta, 'con grande concorso di popolo, che allora corrispondeva a una vera e propria canonizzazione', come sostiene l'agiografo Lucchesi. Il più antico e importante monumento di culto a san Terenzio fu la chiesa a lui dedicata presso la Cattedrale (11 novembre 1153). Nella splendida arca quattrocentesca che conserva le reliquie del

 
Santo del giorno 29 luglio: Beato Urbano II papa PDF Stampa E-mail
Giovedì 29 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 29 luglio: Beato Urbano II papaIl suo nome era Eudes (Oddone) e nacque verso il 1040 a Châtillon-sur-Marne in Francia, nell’attuale diocesi di Reims da nobile famiglia. Compì i suoi studi a Reims, dove fu allievo di san Bruno, che poi divenne fondatore dell’Ordine dei Certosini nel 1084. Eudes in seguito divenne monaco nell’abbazia di Cluny fondata nel 910 da Guglielmo il Pio, duca di Aquitania, assorbendo lo spirito di riforma e di libertà della Chiesa, che regnava nella Comunità cluniacense fondata nel 910 da san Brunone di Cluny. Fu nel 1077, insieme all’abate sant’Ugo di Cluny (1024-1109), a Canossa (Reggio Emilia) presso il papa san Gregorio VII (1073-1085) e l’anno successivo venne eletto vescovo di Ostia, succedendo a san Pier Damiani (1007-1072): Per due volte ebbe l’incarico di Legato pontificio in Germania nella controversia con l’imperatore Enrico IV (1050-1106). Morto nel 1085 papa Gregorio VII, gli successe con il breve pontificato il beato Vittore III (1086-1087), il quale si trovò in lotta con l’antipapa Clemente III. E proprio a causa dell’antipapa stabilitosi a Roma, il conclave per il

 
Santo del giorno 28 luglio: San Vittore I papa e martire PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 28 luglio: San Vittore I papa e martireSan Vittore I è il 14° papa, eletto nel 189 e morì nel 199, molto probabilmente subendo il martirio, quindi il suo pontificato durò 10 anni, un lungo periodo se consideriamo che a quei tempi imperversavano le persecuzioni ricorrenti dei vari imperatori, che cessarono solo nel 313-14; quasi tutti i papi dei primi 300 anni della Chiesa sono martiri. Ebbe la sorte di pontificare i primi cinque anni sotto l’imperatore Commodo (morto nel 194) il quale, grazie agli auspici della sua favorita Marcia simpatizzante per il Cristianesimo, non solo non rinnovò la persecuzione, ma fece per i cristiani quello che fin’allora nessun imperatore aveva fatto; con l’aiuto di Marcia, il papa Vittore ebbe un incontro con lui, nel quale gli consegnò la lista dei cristiani condannati alla deportazione per i lavori forzati nelle miniere della Sardegna e Commodo ne ordinò la liberazione. Era l’anno 190 ed era la prima volta che l’Impero trattava direttamente con la Chiesa e il vescovo di Roma. Questo episodio è importante anche per capire la perfetta organizzazione della carità cristiana in Roma, la quale provvedeva non solo ai membri bisognosi della comunità, ma si estendeva anche ai fratelli perseguitati, sofferenti nelle carceri o

 
Santo del giorno 27 luglio: San Simeone Stilita il Vecchio PDF Stampa E-mail
Martedì 27 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 27 luglio: San Simeone Stilita il VecchioSimeone nacque a Sis, in Cilicia, verso l’anno 380, da una famiglia di poveri pastori. Nell’infanzia sua unica occupazione fu la custodia del gregge. Un giorno, non essendo potuto andare al pascolo a causa della neve, si recò in chiesa ove rimase emozionato udendo la lettura delle beatitudini evangeliche. Chiese allora ad un vegliardo come fosse possibile conseguire la felicità che esse promettevano e questi gli suggerì di abbandonare senza esitazioni il mondo. Simeone entrò allora in un’altra chiesa e, prostrato per terra, pregò a lungo il Signore perché gli mostrasse la sua volontà. Addormentatosi, in sogno gli sembrò di scavare le fondamenta di una casa: tra una sosta e l’altra, una voce più volte lo ammonì: “Scava più a fondo”. Quando le fondamenta raggiunsero una certa profondità, la medesima voce gli disse: “Adesso puoi costruire l’edificio all’altezza che vorrai”. Desiderando vincere se stesso e raggiungere la perfezione, Simeone decise di rinchiudersi in un monastero, dove condusse una vita innocente e improntata ad una dura austerità, dedito agli uffici più umili. Siccome

 
Santo del giorno 26 luglio: Beata Camilla Gentili di Rovellone sposa e martire PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 26 luglio: Beata Camilla Gentili di Rovellone sposa e martireCamilla Gentili nacque nelle seconda metà del XV secolo a San Severino Marche da Luca Gentili dei signori di Rovellone e da Brandina della nobile famiglia dei Grassi. Per volere della famiglia, si sposò con il nobile Battista Santucci, uomo violento e rissoso. Il marito di Camilla riversava l'odio che aveva per tutti i membri della famiglia Grassi, sulla suocera Brandina e sulla sposa, donna mite, sottomessa e stimata da tutti per la bontà. Incolpato dell'assassinio di Pierozzo Grassi nel 1482, Battista ebbe salva la vita grazie all'intervento personale e le preghiere di Camilla. Nonostante ciò il suo odio verso i Grassi non si placò, anzi crebbe a tal punto da proibire alla moglie di avere contatti con la madre Brandina. Accortosi che il suo divieto non era stato rispettato, il 26 luglio 1486, Battista con finta tenerezza invitò Camilla ad accompagnarlo all'Uvaiolo, località dove possedeva un podere, per trascorrere qualche ora in serenità. Camilla accondiscese senza rendersi conto che si stava recando al patibolo.

 
Santo del giorno 25 luglio: Beato Giacomo Brunforte da Falerone francescano PDF Stampa E-mail
Domenica 25 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 25 luglio: Beato Giacomo Brunforte da Falerone francescanoIl Beato Giacomo Brunforte da Falerone è un sacerdote francescano, vissuto tra il XIII e XIV secolo, nativo di Falerone nella provincia di Ascoli Piceno nelle Marche. Di lui non sappiamo nulla. E’ ricordato solo come confessore del beato Giovanni della Verna. Si crede che il Beato Giacomo Brunforte morì a Mogliano (Macerata) nel 1308. E’ ricordato nel martirologio

 
Santo del giorno 24 luglio: Santi Magi d’Oriente adoratori di Gesù Bambino PDF Stampa E-mail
Sabato 24 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 24 luglio: Santi Magi d’Oriente adoratori di Gesù BambinoL’episodio dell’adorazione del Bambino è raccontato solo nel Vangelo di Matteo (2, 1-2): durante il regno di Erode il Grande (72 a.C. - 4 d.C.) alcuni Magi, di cui non si fa nome nè il numero, vennero dall’Oriente a Gerusalemme, guidati da una stella apparsa in cielo, per chiedere dove era nato il re dei Giudei; determinando con la loro domanda, sia in Erode sia nel popolo, sorpresa e timore. Si consultarono i sommi sacerdoti e il Sinedrio e, in base al passo di Michea nel Vecchio Testamento, indicarono Betlemme come la città dove il Cristo doveva nascere; Erode stesso lo comunicò ai Magi, pregandoli di informarlo quando

 
Santo del giorno 23 luglio: Beato Leonardo da Recanati vescovo PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Luglio 2021 00:00

Santo del giorno 23 luglio: Beato Leonardo da Recanati vescovoLeonardo, originario di Recanati nelle Marche, entrò molto giovane nell'Ordine Mercedario, dove divenne religioso e ordinato sacerdote. Nominato successivamente Vescovo, un illustre vescovo dell’Ordine Mercedario e zelante pastore, guidò il suo popolo nella perfezione della fede e, per la santità di vita, morì ricco di meriti della vita religiosa e raggiunse la gloria eterna nel regno di Dio. L’Ordine Mercedario lo festeggia il 23 luglio. L'Ordine di Santa Maria della Mercede, ordine mendicante maschile di diritto pontificio i cui frati sono detti mercedari, venne fondato a Barcellona in Spagna il 10 agosto 1218 da Pietro Nolasco con lo scopo di liberare i prigionieri cristiani fatti schiavi dai musulmani o dai pagani, e a tal fine i mercedari aggiungono ai trevoti consueti un quarto voto, detto "di redenzione", mediante il quale si impegnano a sostituire con la loro persona i prigionieri in pericolo di rinnegare la fede. Venne approvato il 17 gennaio 1235 da papa Gregorio IX. Dopo la scomparsa della schiavitù i mercedari si specializzarono nell’insegnamento e nell'apostolato missionario. Si stima che il numero dei cristiani riscattati dai mercedari nel corso dei secoli sia di circa 100.000: i religiosi

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 31