Assemblea_Legislativa_Delle_Marche.jpg

Login

Chi è online

 140 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Centro Cultura Popolare
Centro Cultura Popolare
Santo del giorno 5 novembre: Beato Bonviso da Piacenza domenicano PDF Stampa E-mail
Sabato 05 Novembre 2022 00:00

Santo del giorno 5 novembre: Beato Bonviso da Piacenza domenicanoBonviso di Piacenza era sacerdote e dottore in legge. Fu il primo piacentino a vestire l’abito domenicano nel 1217. Dopo aver deciso di diventare domenicano, ricevette il vestito dell’ordine proprio dalle mani del patriarca San Domenico, di cui divenne intimo amico e compagno di viaggio. Bonviso fu mandato da San Domenico a predicare a Piacenza e numerosi uomini si convertirono e divennero domenicani. Dopo la morte del fondatore fu proprio Bonviso a testimoniare le sante gesta di Domenico. Nel 1220, ritornato in città accompagnato da alcuni confratelli, ottenne la chiesa di Sant’Andrea al Borgo. In quella sede vi rimase per un breve periodo, in quanto, grazie ad alcuni lasciti e finanziamenti di alcuni concittadini, ottenne dal vescovo la possibilità di costruire la chiesa e il convento di San Giovanni in Canale. Questa fu la sede piacentina dell’ordine domenicano fino alla soppressione

 
Ostra Vetere: Anniversario della morte di San Carlo Borromeo il 4 novembre 1584 PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Novembre 2022 18:12

Ostra Vetere: Anniversario della morte di San Carlo Borromeo il 4 novembre 1584San Carlo Borromeo, uno dei più grandi Vescovi nella storia della Chiesa, grande nella carità, grande nella dottrina, grande nell'apostolato, ma grande soprattutto nella pietà e nella devozione, nacque nel 1538 nella Rocca dei Borromeo, padroni e signori del Lago Maggiore e delle terre rivierasche, secondo figlio del Conte Giberto e quindi, secondo l'uso delle famiglie nobiliari, fu tonsurato a 12 anni. Studente brillante a Pavia, dette subito prova delle sue doti intellettuali, venne poi chiamato a Roma, dove venne creato cardinale a 22 anni da suo zio il papa Pio IV. Gli onori e le prebende piovvero abbondanti sul suo cappello cardinalizio: amante dello studio, fondò a Roma un'Accademia secondo l'uso del tempo, detta delle «Notti Vaticane». Inviato al Concilio di Trento, vi fu, secondo la relazione di un ambasciatore, "più esecutore di ordini che consigliere". Ma si rivelò anche un lavoratore formidabile, un vero forzato della penna e della carta. Nel 1562, morto il fratello maggiore, avrebbe potuto chiedere la secolarizzazione, per mettersi a capo della famiglia. Restò invece

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 4 novembre PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Novembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 4 novembre1888 - Giunta a Ostra Vetere cinque giorni prima per l’apertura della Scuola Femminile e Asilo d’Infanzia, la Vicaria Generale dell’Ordine delle suore, suor Maria Agnese Prefumo si era sentita male il giorno dei Santi, presa da febbre altissima, tanto che al mattino dei Morti il medico aveva diagnosticato una 'bronchite acuta e mortale'. Ma le condizioni dell'inferma s'aggravano sempre più e il 3 novembre suor Maria Agnese aveva chiesto all'abate don Guglielmo Giustini e al vicario don Francesco Saturni i Santi Sacramenti. Il giorno successivo, domenica 4 novembre, chiese anche l'Estrema Unzione. (p. Rolando Maffoli o.f.m., Renzo Fiorani, Le suore figlie di Maria SS. dell'Orto, un secolo di assistenza a Ostra Vetere, testo 022,

 
Accadde nel Mondo il 4 novembre PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Novembre 2022 00:00

Accadde nel Mondo il 4 novembreIl 4 novembre è il 308º giorno del Calendario Gregoriano (il 309º negli anni bisestili). Mancano 57 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

1333 e 1966 - due targhe che ricordano l'altezza raggiunta dall'acqua dell'Arno durante le alluvioni di Firenze; le targhe sono a circa quattro metri d'altezza

1576 - Guerra degli ottant'anni: in Belgio, la Spagna conquista Anversa (dopo tre giorni la città sarà quasi distrutta)

1737 - Inaugurazione del Teatro San Carlo di Napoli con la rappresentazione dell'Achille in Sciro di Domenico Sarro basata sull'opera di

 
Santo del giorno 4 novembre: Santi Vitale e Agricola Protomartiri bolognesi PDF Stampa E-mail
Venerdì 04 Novembre 2022 00:00

Santo del giorno 4 novembre: Santi Vitale e Agricola Protomartiri bolognesi   Alle radici della Chiesa bolognese c'è la figura di due martiri, distinti per classe sociale ma uniti dalla palma della morte a causa della fede. Vitale e Agricola, servo e padrone, lanciarono con la loro testimonianza un messaggio di uguaglianza e di solidarietà che avrà pubblico riconoscimento al sorgere del libero Comune con il decreto di liberazione dei servi della gleba (Liber Paradisus). La più antica memoria dei due protomartiri risale a sant'Ambrogio e a san Paolino da Nola, che ne attestano la «colleganza e il consorzio nel martirio». I loro corpi, riscoperti nel cimitero ebraico dal vescovo Eustasio, furono traslati da Ambrogio nel 393 alla Santa Gerusalemme stefaniana. Il loro culto era già diffuso nel V e VI secolo. Le loro reliquie sono venerate nella Chiesa madre di Bologna. Sul finire del VI secolo, San Gregorio di Tours in una sua opera lamentò l’inisistenza di una “passio” circa i Santi Vitale ed Agricola. Ciò però non era propriamente esatto, in quanto le notizie sui due protomartiri bolognesi si fondano su

 
Ostra Vetere: Anglicismi e americanate PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Novembre 2022 18:23

Ostra Vetere: Anglicismi e americanateA seguito di segnalazioni di alcuni nostri soci, iniziamo a collaborare con “montenovonostro” per la formulazione del prossimo “Programma Elettorale” in vista delle prossime elezioni amministrative comunali anticipate, che si terranno nella primavera dell’anno venturo 2023 a Ostra Vetere. Ricordiamo che le candidature sono volontarie e chi intende candidarsi deve assumere il primo dovere in capo a ogni amministratore pubblico: “servire” la comunità, che è esattamente all’opposto di “servirsene”, come purtroppo certa classe (meglio “casta”) politica degli ultimi decenni dimostra, ha talmente disilluso l’opinione pubblica che ormai il 40% dell’elettorato non va più nemmeno a votare. E la colpa non è certo di chi non vota più. La colpa è di chi ha amministrato negli ultimi decenni: presuntosi che non scaldano più i cuori dei compaesani e che, soprattutto, non fanno nemmeno niente per farsi capire. Chi vuole andare ad amministrare candidandosi, quindi, deve assumere il dovere (sì, “dovere”, che sta ben prima dei “diritti”, perché i “diritti” stanno prima per i compaesani, mentre i “doveri” stanno prima dei “diritti” per coloro che vogliono amministrarli), un “dovere” assoluto, che è prima di tutto “farsi capire”. La comunicazione e l’informazione pubblica, quindi, deve assumere un ruolo primario. E per “comunicare” e “informare” i compaesani chi li amministra deve farlo parlando con lo stesso linguaggio dei compaesani amministrati. Quindi la comunicazione e l’informazione deve assolutamente essere fatta in italiano, affinchè tutti possano comprendere bene, senza equivoci. Ma come fanno i nostri compaesani a comprendere la comunicazione e l’informazione pubblica se addirittura l’organo ufficiale di comunicazione e informazione istituzionale (http://www.comune.ostravetere.an.it/hh/index.php) è infarcito di anglicismi (americanate), di sigle e acronimi incomprensibili, addirittura di strafalcioni ed errori grammaticali? Prendiamo ad esempio la pagina ufficiale del sito internet del Comune di Ostra Vetere, purtroppo gestito (speriamo ancora per poco) dalla attuale maggioranza nazional-socialista. Ebbene, nell’immagine allegata abbiamo voluto evidenziare le americanate, gli acronimi e le sigle incomprensibili, gli errori grammaticali. In una pagina sola (pensiamo come potranno essere ridotte le altre successive) abbiamo enumerato più di una trentina di parole che la stragrande maggioranza della popolazione non può essere in grado di comprendere: addirittura nemmeno lo stemma comunale è quello ufficiale, sostituito da una ben peggiore rappresentazione. Poi si incomincia con gli acrostici che forse molti comprenderanno, ma certo non tutti (P.IVA e Codice Univoco UFWHK5), e ancora meno saranno coloro che comprendono esattamente gli anglicismi (americanate) seguenti (Homepage, Virtual tour, Extranet). Ancora peggio con le titolazioni delle pagine successive, infarcite di strafalcioni, errori grammaticali e ortografici addirittura senza simbolo di separazione ( - ) per le due parti della parola suddivisa in due righe diverse, come “Amministrazione tra / sparente”, “Statuto e regolame / nti”,  “Pubblicazioni di mat / rimonio”, “Fatturazione elettro / nica”, “Pagamenti online”, “Protezione Civile Co / munale”. Ma chi scrive

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 3 novembre PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Novembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 3 novembre1888 - Giunta a Ostra Vetere quattro giorni prima per l’apertura della Scuola Femminile e Asilo d’Infanzia, la Vicaria Generale dell’Ordine delle suore, suor Maria Agnese Prefumo si sente male il giorno dei Santi, presa da febbre altissima, tanto che al mattino dei Morti il medico aveva diagnosticato una 'bronchite acuta e mortale'. Ma le condizioni dell'inferma s'aggravano sempre più ed il 3 novembre suor Maria Agnese chiede all'abate don Guglielmo Giustini e al vicario don Francesco Saturni i Santi Sacramenti. (p. Rolando Maffoli o.f.m., Renzo Fiorani, Le suore figlie di Maria SS. dell'Orto, un secolo di assistenza a Ostra Vetere, testo 022, 1989, p. 35).

 
Accadde nel Mondo il 3 novembre PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Novembre 2022 00:00

Accadde nel Mondo il 3 novembreIl 3 novembre è il 307º giorno del Calendario Gregoriano (il 308º negli anni bisestili). Mancano 58 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

644 – Omar, secondo califfo dell'islam viene assassinato nella moschea di Medina da uno schiavo

1493 – Cristoforo Colombo avvista per la prima volta l'isola di Dominica nel Mar dei Caraibi

1706 – Terremoto della Maiella del 1706

1810 – Prima rappresentazione dell'opera La cambiale di matrimonio di Gioachino Rossini

1848 – Viene proclamata una nuova costituzione olandese, ampiamente rivista

 
Santo del giorno 3 novembre: Sant'Amico di Avellana monaco PDF Stampa E-mail
Giovedì 03 Novembre 2022 00:00

Santo del giorno 3 novembre: Sant'Amico di Avellana monacoAmico, monaco benedettino nato nel territorio di Camerino tra il 920 e il 930 da nobile famiglia, ancora giovinetto fu affidato dai genitori a un monastero per esservi educato e avviato alla vita monastica. La situazione familiare, però, lo indusse, quando aveva da poco superato i venti anni, a lasciare il monastero per il clero secolare. Ordinato sacerdote, spinse tutti i familiari ad abbracciare la vita monastica. Il padre, i fratelli e poi i nipoti entrarono nel chiostro: la madre, distribuita ai poveri la maggior parte dei beni, si dedicò a opere pie. Liberato così da ogni preoccupazione familiare, Amico rientrò a sua volta in un monastero, rivelandosi in breve un modello di virtù; ma, non trovando la disciplina del monastero sufficientemente austera, si diede a vita eremitica. Per tre anni visse tutto solo in una spelonca del monte Torano dell'Aquila, in diocesi di Ascoli Piceno. Più tardi accolse nella sua solitudine anche alcuni discepoli, con i quali continuò per altri venti anni la vita eremitica.

 
a MONTENOVO i fatti nostri del 2 novembre PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Novembre 2022 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 2 novembre1888 - Giunta a Ostra Vetere tre giorni prima per l’apertura della Scuola Femminile e Asilo d’Infanzia, la Vicaria Generale dell’Ordine delle suore, suor Maria Agnese Prefumo si sente male e durante la notte precedente è presa da febbre altissima, tanto che al mattino il medico diagnostica una 'bronchite acuta e mortale'. (p. Rolando Maffoli o.f.m., Renzo Fiorani, Le suore figlie di Maria SS. dell'Orto, un secolo di assistenza a Ostra Vetere, testo 022, 1989, p. 35).

1912 - Il periodico cattolico “La voce misena” replica al periodico laico “La fiaccola” sui fatti di Ostra Vetere nello sciopero totale dei contadini cattolici per il nuovo capitolato colonico, quando

 
Accadde nel Mondo il 2 novembre PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Novembre 2022 00:00

Accadde nel Mondo il 2 novembreIl 2 novembre è il 306º giorno del Calendario Gregoriano (il 307º negli anni bisestili). Mancano 59 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

676 – Dono diventa Papa

1772 – Guerra d'indipendenza americana: Samuel Adams e Joseph Warren formano il primo Comitato di corrispondenza

1783 – A Rocky Hill (New Jersey), il generale statunitense George Washington pronuncia il suo "Discorso di addio all'esercito"

1852 – Cavour viene eletto primo ministro del Piemonte

1861 – Guerra di secessione americana: il

 
Santo del giorno 2 novembre: Commemorazione di tutti i fedeli defunti PDF Stampa E-mail
Mercoledì 02 Novembre 2022 00:00

Santo del giorno 2 novembre: Commemorazione di tutti i fedeli defuntiLa pietas verso i morti risale agli albori dell’umanità. In epoca cristiana, fin dall’epoca delle catacombe l’arte funeraria nutriva la speranza dei fedeli. A Roma, con toccante semplicità, i cristiani erano soliti rappresentare sulla parete del loculo in cui era deposto un loro congiunto la figura di Lazzaro. Quasi a significare: Come Gesù ha pianto per l’amico Lazzaro e lo ha fatto ritornare in vita, così farà anche per questo suo discepolo! La commemorazione liturgica di tutti i fedeli defunti, invece, prende forma nel IX secolo in ambiente monastico. La speranza cristiana trova fondamento nella Bibbia, nella invincibile bontà e misericordia di Dio. «Io so che il mio redentore è vivo e che, ultimo, si ergerà sulla polvere!», esclama Giobbe nel mezzo della sua tormentata vicenda. Non è dunque la dissoluzione nella polvere il destino finale dell’uomo, bensì, attraversata la tenebra della morte, la visione di Dio. Il tema è ripreso con potenza espressiva

 
Ostra Vetere: Mensilario dell'elezione del sindaco ser Cicco di Giacomo il 1° settembre 1355 PDF Stampa E-mail
Martedì 01 Novembre 2022 18:45

Ostra Vetere: Anniversario dell'elezione del sindaco ser Cicco di Giacomo il 1° settembre 1355Il tormentato periodo di storia patria della metà del XIV° secolo, all'epoca della cosiddetta "cattività avignonese", è quel periodo storico nel quale i Papi non risiedevano più a Roma, ma ad Avignone in Francia. La lontananza della Curia Romana dall'Italia, ma soprattutto la debolezza politica del Papato, avevano creato le condizioni favorevoli ai tanti signorotti disseminati sulle terre dello Stato della Chiesa che cercarono di liberarsi dalla sua dipendenza e di crearsi propri stati indipendenti. L'anarchia era così accentuata che queste Signorie si trovavano continuamente in lotta: ognuna cercava di sopravvivere lottando contro l'invadenza del vicino e a sua volta era invadente con qualc'altro. Le guerre, i colpi di mano, gli attentati proditori e le rivolte erano fatti quotidiani. Così anche nella nostra zona avvenivano le stesse cose: Nicolò Bisaccioni conte di Boscareto aveva ben presto conquistato Montenovo e Corinaldo e, postosi a capo del partito ghibellino sostenitore dell'imperatore, aveva ben presto esteso il suo

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 5 di 120

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.