Regione_Marche.jpg

Login

Chi è online

 111 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Comunicati
Ostra Vetere: Anniversario della morte di Giuseppe Perini il 10/07/1984 PDF Stampa E-mail
Lunedì 10 Luglio 2017 17:31

Ostra Vetere Anniversario della morte Giuseppe Perini il 10 07 1984Ricorre oggi il 33.mo anniversario della morte di Giuseppe Perini, che il Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere vuole commemorare. Giuseppe Perini morì infatti a 70 anni il 10 luglio 1984. Era stato sindaco di Ostra Vetere, eletto nel 1956 per un quinquennio fino al 1961 alla guida di una amministrazione di sinistra a maggioranza PCI. Attivo nella vita sociale del paese, era stato per lunghi anni responsabile di una cooperativa di consumo, assolvendo anche all’incarico di esattore per conto dell’UNES, la

 
Ostra Vetere: Anniversario della nascita di don Federico Sbarbati PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Luglio 2017 17:30

Ostra Vetere Anniversario della nascita di don Federico SbarbatiRicorre oggi l’anniversario della nascita di don Federico Sbarbati. Era il 6 luglio del 1921 a Ostra l’ultimo priore parroco di San Severo Vescovo di Ostra Vetere, don Federico Sbarbati. Don Federico era stato parroco della parrocchia di San Pietro Apostolo del Vaccarile fino al 1989, quando venne assegnato alla cura della più antica parrocchia di Ostra Vetere, quella di San Severo che antichissimi documenti attestano esistente già prima del 1001. Don Federico

 
Ostra Vetere: Anniversario dell’arrivo del priore don Augusto Manoni PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Luglio 2017 17:24

Ostra Vetere Anniversario dell arrivo del priore don Augusto ManoniRicorre oggi l’arrivo a Ostra Vetere del priore di San Severo don Augusto Manoni. Nato a Ostra il 18 maggio 1880, era stato inviato a svolgere la sua missione sacerdotale prima ad Arcevia, da dove venne qui trasferito il 5 luglio 1933 a reggere la più antica parrocchia del paese, quella di San Severo Vescovo ravennate la cui prima citazione risale a un diploma imperiale di Ottone III nel 1001, alla cui guida si prodigò apportando consistenti migliorie alla chiesa parrocchiale al Pozzolungo (cfr. Fiorani.A.-Lipani, San Severo dalla cella sul colle Paradiso alla parrocchiale del Pozzolungo, Ostra Vetere (AN), Centro Cultura Popolare, 1995, pp. 252). Il priore Manoni morì poi a Ostra Vetere il 17 novembre 1962, ormai 82enne. Nella foto scattata, poco prima della sua morte, è ritratto in alto a sinistra, sotto la statua di san Luigi Gonzaga patrono della gioventù, insieme al gruppo di chierichetti della sua parrocchia accompagnati dal cappellano don Attilio Ferretti e dal sagrestano Giuseppe Puerini, detto Tibobi.

 
Ancona: “giangi” si congratula con Massimo Bello PDF Stampa E-mail
Lunedì 26 Giugno 2017 17:25

Ancona giangi si congratula con Massimo BelloCi scrive un assiduo lettore di Ancona che si firma con lo pseudonimo di “giangi” per commentare la notizia dell’assegnazione del Premio San Giovannino 2017 all’ex sindaco di Ostra Vetere Massimo Bello: “Congratulazioni a massimo bello e complimenti per la scelta che sicuramente sarà particolarmente gradita dalla persona seria operosa e responsabile , attenta alla considerazione del prossimo ed alla amministrazione pubblica. giangi”.

dal Centro di Cultura Popolare

 
Senigallia: Bello ringrazia ancora il Centro di Cultura Popolare PDF Stampa E-mail
Domenica 25 Giugno 2017 16:45

Senigallia Bello ringrazia ancora il Centro di Cultura PopolareDopo la designazione del Premio San Giovannino 2017, il Centro di Cultura Popolare, avendone dato notizia al destinatario, ha inviato comunicazione anche a tutti i concittadini di cui conosce gli indirizzi della casella di posta elettronica e anche alla stampa. A questa ulteriore comunicazione l'assegnatario ex sindaco di Ostra Vetere Massimo Bello ha voluto ringraziare nuovamente il Centro di Cultura Popolare per il Premio conferitogli. E ha scritto così: "Gentilissimi, nel ringraziarVi ancora del prestigioso Premio, non posso che dedicarlo con estremo piacere a tutta Ostra Vetere e ai suoi e miei concittadini, considerando che io, in fin dei conti, sia solo un figlio adottivo di quella terra. I figli adottivi, comunque, sono sempre figli legittimi. come quelli naturali se alla fine è la stessa ‘terra’, Ostra Vetere appunto, li riconosce come tali. Il Premio San Giovannino è davvero importante per me e sono sinceramente commosso di averlo ricevuto. Grazie ancora.

 
Ostra Vetere: Cosa faceva il nostro Comune cinquecento anni fa per onorare il Patrono PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Giugno 2017 17:45

Ostra Vetere Cosa faceva il nostro Comune cinquecento anni fa per onorare il PatronoIl libero Comune di Montenovo ha sempre onorato il patrono San Giovanni Battista in ogni tempo, fino ad emanare apposite leggi in proposito. E quali leggi municipali avevano emanato i nostri antenati per celebrare la festa patronale di San Giovanni Battista ce lo indica lo “Statutorum Ecclesiasticae Terrae Montis Novi” del 1588. Il testo è in latino, come in latino erano tutti gli atti pubblici di quell’epoca. Così forniamo prima il testo originale latino e poi la traduzione in italiano, ma intanto avvertendo che il modo di scrivere allora era un po’ diverso dal nostro. Intatti al posto della “s” si usava una lettera molto simile alla “f”, venivano invertite le due lettere “u” e “v” scambiate per “v” ed “u”, si conservava la lettera “j” equivalente a una doppia “ii”, la congiunzione “et” equivalente all’italiano “e” veniva spesso sostituito dal logogramma “&” e il modo di accentare le parole era diverso dal nostro. Ecco il testo della legge municipale. “MVNICIPALIVM LEGVM AC STATVTORVM ECCLESIASTICAE TERRAE MONTIS Ostra Vetere Cosa faceva il nostro Comune cinquecento anni fa per onorare il PatronoNOVI LIBER PRIMVS. OFFICIORVM. De pallio offerendo Ecclesiae Sancti Ioannis Baptiftae. Rub. I. STATVIMVS, & ordinamus ad honorem Omnipotentis Dei,& Sancti Ioannis Baptiftae Protectoris, & Defensoris Terrae Montis Noui, quòd omni anno in eius feftiuitate ematur vnus cereus cerae ponderis sex librarum per Maffarium Communis dictae Terrae de bonis, & hauere Communis, & duae librae candelarum de cera, quas Confiliarij vnà cum officialibus dictae Terrae reuerenter portent in manibus, & cereus, & candelae, eidem Ecclefiae Sancti Ioannis Baptiftae offerantur reuerenter, qui cereus penes Rectorem dictae Ecclefiae deponatur, & ipfum conferuet prò vtilitate dictae Ecclefiae, & accendatur in ea, quando officium celebratur. Portetur etiam cum dicto cereo palliuma de firico dicti Communis,& fimili modo offeratur eidem Ecclefiae in dicto festo. Ad quam Ecclefiam, tunc cum praedictis oblationibus ire debeant officiales, & Confiliarij Concilij generalis dictae Terrae poena duorum folidorum pro quolibet

 
Ancona: Qui è tutto fantastico PDF Stampa E-mail
Mercoledì 31 Maggio 2017 16:52

Ancona Qui è tutto fantasticoUn gradito omaggio da parte del conte Giovanni Bonarelli di Ancona. Dona al nostro presidente un volume fresco di stampa dell’editrice Affinità Elettive di Ancona dal titolo “Qui tutto è fantastico”: un’opera prima del direttore di produzione cinematografica e fiction tv Lorenzo Luccarini, un taccuino consapevole e divertito attraverso cui l’autore osserva (e vive) il mondo. Di ieri e di oggi. E fra le tante divagazioni, aneddoti, riflessioni, sogni e racconti di mare e di terra propone, a pagina 104 il “Leonardo Bonarelli alle crociate” (ecco il perché del dono parentale, anzi, antenatale): “Dal porto di Trani in Puglia con destinazione Durazzo per raggiungere Costantinopoli, nel 1096 salpa una nave di proprietà dei Tommasi. A bordo c'è Boemondo di Antiochia, principe di Taranto. Con lui un esercito normanno forse il migliore che si potesse metter in piedi in quel periodo. Boemondo ha un compito chiaro: liberare la Terra Santa e il santo sepolcro caduto in mano ai musulmani e restituirlo ai cristiani. La Ancona: Qui è tutto fantasticostoria darà il nome di Prima Crociata a quell'impresa a cui concorsero in tanti peraltro. In questo esercito c' è un normanno coraggioso che risponde al nome di Leonardo Bonarelli, appartenente a una famiglia che nel bene e nel male sarà legata per sempre alla città di Ancona. L'impresa come sappiamo tutti ha successo, ma Leonardo cade durante l'assedio della città di Antiochia. Tuttavia il suo nome rimane nella leggenda. Così per lo meno

 
Ostra Vetere: Anniversario della nascita del priore don Augusto Manoni PDF Stampa E-mail
Giovedì 18 Maggio 2017 16:53

Ostra Vetere Anniversario della nascita del priore don Augusto ManoniRicorre oggi l’anniversario della nascita del priore di San Severo don Augusto Manoni. Nato infatti nella vicina Ostra il 18 maggio 1880, era stato inviato a svolgere la sua missione sacerdotale ad Arcevia, da dove venne qui trasferito il 5 luglio 1933 a reggere la più antica parrocchia del paese, quella di San Severo Vescovo ravennate, la cui prima citazione risale a un diploma imperiale di Ottone III nel 1001, e alla cui guida si prodigò apportando consistenti migliorie alla chiesa parrocchiale al Pozzolungo (cfr. Fiorani.A.-Lipani, San Severo dalla cella sul colle Paradiso alla parrocchiale del Pozzolungo, Ostra Vetere (AN), Centro Cultura Popolare, 1995, pp. 252). Il priore Manoni morì a Ostra Vetere il 17 novembre 1962, ormai 82enne. Nella foto scattata, poco prima della sua morte, è ritratto in alto a sinistra, sotto la statua di san Luigi Gonzaga patrono della gioventù, insieme al gruppo di chierichetti della sua parrocchia accompagnati dal cappellano don Attilio Ferretti e dal sagrestano Giuseppe Puerini, detto Tibobi.

 
Ancona: Un documento integrativo della nostra storia paesana PDF Stampa E-mail
Giovedì 18 Maggio 2017 16:33

Ancona Un documento integrativo della nostra storia paesanaIl conte Giovanni Bonarelli di Ancona ci trasmette un documento storico di grande rilievo: la patente di nomina a Proconsole inglese di un suo omonimo antenato nel 1691 che di seguito trascriviamo. “IACOBVS * II * DEI GRATIA REX *. NOI DOMENCO FRANCESCO RIZZI Console in quest’Alma Città di Roma, Ciuita Vecchia &c. Per la Natione Inglese eletto in virtù di Reale Priuilegio deL Sereniffimo Rè d'Inghilterra, Scotia, Francia, & Ibernia &c. Con il Regio Exesequatore, e Regie Cancellarie;

 
Ostra Vetere: Anniversario della nascita di don Giovanni Montesi a Morro d'Alba il 16 maggio 1904 PDF Stampa E-mail
Martedì 16 Maggio 2017 17:11

Ostra Vetere Anniversario della nascita di don Giovanni Montesi a Morro d Alba il 16 maggio 1904Priore parroco della millenaria parrocchia di San Severo Vescovo, don Giovanni Montesi nacque il 16 maggio 1904 a Morro d’Alba e, dopo essere stato parroco della parrocchia di San Ginesio di Arcevia, venne poi nominato priore parroco di San Severo di Ostra Vetere, dove giunse il 30 novembre 1962. Si copriva sempre con abiti invernali da quanto era freddoloso e portava sempre un mantello, come ritratto nella foto, al centro. Bonario e accomodante, amico di tutti, impressionò la sua morte improvvisa e imprevista a 78 anni di età, mentre stava celebrando la Santa Messa mattutina,

 
Ostra Vetere: Clamorose scoperte archivistiche su don Pietro Paolo Brunacci e la regina Cristina di Svezia PDF Stampa E-mail
Lunedì 15 Maggio 2017 17:51

Ostra Vetere Clamorose scoperte archivistiche su don Pietro Paolo Brunacci e la regina Cristina di SveziaAbbiamo appena fatto in tempo a comunicare Martedì 09 Maggio 2017 “Ostra Vetere: Nuove scoperte archivistiche” (http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/biblioteca/38008-ostra-vetere-nuove-scoperte-archivistiche) sulle notizie dell’antica famiglia nobiliare montenovese dei Brunacci, il cui monumentale palazzo si conserva ancora in Piazza Grande, che ecco giungere notizia di ulteriori clamorose scoperte archivistiche. Ce le comunica il discendente Maurizio Brunacci, che gestisce il sito internet dedicato alla storia e ai personaggi della sua famiglia e dal titolo “Le famiglie Brunacci” (http://www.brunacci.it/homepage.html). Maurizio ci scrive: “L'Uni di Amsterdam mi ha appena inviato la lettera che Pietro Paolo ha scritto alla Regina Cristina di Svezia” e ce ne invia copia che riproduciamo a lato. E’ scritta in latino e indirizzata alla “Maiestati Regiae Sueciae Christinae

 
Ostra Vetere: Anniversario della morte del Professore Americo Puerini il 13 maggio 2006 PDF Stampa E-mail
Sabato 13 Maggio 2017 17:07

Ostra Vetere Anniversario della morte del Professore Americo Puerini il 13 maggio 2006   Nell’anniversario della scomparsa, il 13 maggio 2006, del professore Americo Puerini, il Centro di Cultura Popolare sente di dover manifestare un pensiero riconoscente al compaesano che con le sue composizioni musicali dedicate a Montenovo ha contribuito a dare lustro al paese natale. Alla sua memoria va il nostro pensiero particolarmente grato per un “montenovese” vero figlio di questa terra, che non ha voluto dimenticare la sua patria d’origine pur vivendo altrove. Segnaliamo ai compaesani il fulgido

 
Ancona: La gradita segnalazione del conte Bonarelli PDF Stampa E-mail
Giovedì 11 Maggio 2017 21:39

Ancona La gradita segnalazione del conte Bonarelli  A margine della grandiosa mostra d’arte dedicata a “FEDERICO BAROCCI NELLE MARCHE”, Mostra alla scoperta dei capolavori del Barocci conservati nelle Marche, il conte Giovanni Bonarelli di Ancona ci invia una scheda di una particolare opera pittorica del grande artista del Cinquecento: “La crocifissione e i dolenti, TECNICA: Olio su tela DIMENSIONI: cm 288x161 DATA: 1566-1567 RESTAURO: 1969, intervento calibrato volto alla riduzione delle vecchie svelature. L’opera, commissionata dal conte Pietro Bonarelli della Rovere, cortigiano di Guidobaldo II e membro dell’Accademia degli Assorditi, fu realizzata tra il 1566 e il 1567 per la cappella di patronato all’interno della chiesa del Crocifisso Miracoloso di Urbino, oggi non più esistente. Nel 1637 la tela fu donata ai padri Filippini e nel 1861 fu acquistata dallo Stato italiano in seguito alla soppressione dei conventi. Nel dipinto sono rappresentati Cristo crocifisso, tra due angeli che raccolgono il suo sangue e, nel registro inferiore, la Madonna e san Giovanni addolorati. Si noti in particolare lo sfondo, in cui il Barocci raffigura per la prima volta il paesaggio urbinate, colto dal suo studio in via San Giovanni: si riconoscono la Data, il primo bastione della città e la strada che la aggira. È inoltre presente un elemento non urbinate, il

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 49

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.