Centro_Cultura_Popolare.jpg

Login

Chi è online

 125 visitatori e 1 utente online

Utenti registrati Online

Lista utenti registrati on-line
Biblioteca
Ostra Vetere: Una singolare ricerca del Centro di Cultura Popolare PDF Stampa E-mail
Martedì 22 Gennaio 2013 21:03

Ostra Vetere Una singolare ricerca del Centro di Cultura PopolareTra i tanti volumi editi dal Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere, l’ultimo desta certamente curiosità. Scritto da Alberto Fiorani per gli allievi del corso di “Tradizioni Popolari” presso l’Università della Terza Età, è interamente dedicato ad un singolare aspetto della cultura popolare: i soprannomi imposti a tantissimi compaesani. Quello della grande numerosità di nomignoli affibbiati a grandi e piccoli in paese è un tratto singolare e caratteristico di Ostra Vetere, anzi, di Montenovo, poiché molti soprannomi sono familiari, cioè imposti dalla tradizione a una particolare famiglia e a tutti i suoi componenti per generazioni. Se ne hanno tracce consistenti anche in antichi documenti locali, segno che la pratica è davvero antica, oltre che particolarmente diffusa. E se nella vicina Barbara la tradizione onomastica si è arricchita per secoli di onomastici singolari e rari, a Ostra Vetere-Montenovo, invece, non è la stranezza

 
Ostra Vetere: Oggi la festa titolare della Confraternita di San Rocco PDF Stampa E-mail
Giovedì 16 Agosto 2012 17:10

Oggi la festa titolare della Confraternita di San RoccoRicorre oggi la festa titolare della Confraternita di San Rocco di Ostra Vetere. San Rocco Pellegrino e Taumaturgo si celebra il 16 agosto. Il santo è nato a Montpellier (Francia), secolo XIV, ma le fonti su di lui sono poco precise e rese più oscure dalla leggenda. In pellegrinaggio diretto a Roma dopo aver donato tutti sui beni ai poveri, si sarebbe fermato a ad Acquapendente, dedicandosi all'assistenza degli ammalati di peste e facendo guarigioni miracolose che diffusero la sua fama. Peregrinando per l'Italia centrale si dedicò a opere di carità e di assistenza promuovendo continue conversione. Sarebbe morto in prigione, dopo essere stato arrestato presso Angera da alcuni soldati perché sospettato di spionaggio. Invocato nelle campagne contro le malattie del bestiame e le catastrofi naturali, il suo culto si diffuse straordinariamente nell'Italia del Nord, legato in particolare al suo ruolo di protettore contro la peste. Nonostante la grande popolarità di San

 
Ostra Vetere: Distribuito l’ultimo libro di Fabrizio Lipani, la guida breve del paese PDF Stampa E-mail
Sabato 23 Giugno 2012 19:44

Distribuito l’ultimo libro di Fabrizio Lipani la guida breve del paeseL’ultimo libro scritto da Fabrizio Lipani prima della sua scomparsa, un paio di anni fa, è stato distribuito oggi pomeriggio al termine della cerimonia di consegna del Premio San Giovannino 2011 alla memoria dell’autore. Si tratta della “Guida breve di Ostra Vetere”, testo n. 104 della collana di volumi storici edita dal Centro di Cultura Popolare di cui Fabrizio Lipani è stato per lunghissimi anni presidente. Il volume, corredato da numerosissime immagini grafiche e fotografiche, illustra tutti i più importanti monumenti del paese, indicandone gli eventi più salienti che li hanno contraddistinti nell’arco dei secoli. E’ il più struggente omaggio al paese natale di sua madre e al quale Fabrizio ha dedicato tanti studi storici e archivistici a integrarne suggestivamente la storia nota e meno nota dei suoi trascorsi. E' un volume fondamentale per la conoscenza del paese, anche a correzione di alcune notizie errate contenute nelle targhe turistiche a suo tempo redatte senza una seria ricerca archivistica e

 
Ostra Vetere: Vigilia di San Giovanni PDF Stampa E-mail
Sabato 23 Giugno 2012 15:12

Vigilia di San GiovanniDomani è la festa del patrono del paese, san Giovanni Battista, e quindi oggi è la vigilia. Già ventiquattr'anni fa al patrono cittadino il Centro di Cultura Popolare aveva dedicato un volumetto, il 19.mo della collana di testi, di Alberto Fiorani intitolato "Il patrono san Giovanni Battista", edito il 24 giugno 1988 e del quale è stato necessario ristamparne una seconda edizione nel novembre del 2001 e una terza a giugno 2005, poichè le copie stampate sono andate presto esaurite. L'idea di quella modesta monografia era venuta tempo fa, nell'ambito dei programmi di promozione culturale elaborati per l'attuazione degli scopi istituzionali dal Centro di Cultura Popolare. D'altra parte i motivi di fondo dell'avvertibile esigenza della riscoperta dei valori ideali, culturali, religiosi, civili, storici e artistici legati al culto del santo patrono san Giovanni Battista sono tutti ben presenti nella opinione pubblica locale. Prova ne è non solo l'alto numero di concittadini che si chiamano con lo stesso nome del patrono Giovanni, dei suoi

 
Ostra Vetere: Una intuizione pionieristica di Fabrizio Lipani trova oggi riconoscimenti ufficiali PDF Stampa E-mail
Martedì 08 Maggio 2012 17:21

Una intuizione pionieristica di Fabrizio Lipani trova oggi riconoscimenti ufficialiFra i primi volumi editi dal Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere, al n. 4 della collana figura il volume di Fabrizio Lipani, “La casa di malta” edito nell’ormai lontano 1979. Si trattava di un primo approfondito studio sulla più caratteristica tipologia abitativa marchigiana e montenovese in particolare, che lo studioso aveva elaborato sotto la spinta di una sua personale curiosità culturale per un reperto tanto singolare: il piccolo atterrato di contrada Molino ormai fatiscente e prossimo all’abbattimento. Lipani riteneva, giustamente, quel residuo esempio di casa povera, una testimonianza culturale e sociale da salvare. Non era quello, ancora, il momento di un interesse ufficiale per questo genere di cose. Eppure Fabrizio Lipani fu un antesignano della ricerca etnografica e storica, che nemmeno gli organi istituzionalmente preposti, come il Ministero dei Beni Culturali e delle sue articolazioni periferiche, avevano ancora compreso. Tuttavia

 
Ostra Vetere: Un memoriale della Rivista Araldica sul montenovese illustre Gaudenzio Brunacci PDF Stampa E-mail
Sabato 05 Maggio 2012 16:42

Un memoriale della Rivista Araldica sul montenovese illustre Gaudenzio BrunacciIl nostro lettore Maurizio Brunacci di Mentana (RM) ci invia la seguente comunicazione: "L'avv. Ignazio e la lapide di Gaudenzio. Nel 1901 l'avv. Ignazio Brunacci di Civitanova, fratello del Tenente Francesco morto in Libia, inviò un Memoriale alla Regia Consulta Araldica. Rileggendolo, ho visto che anche lui conosceva la lapide in memoria di Gaudenzio. Il tutto fu poi pubblicato sulla Rivista Araldica nel 1941 (foto n. 9): http://www.brunacci.it/album_135.html Un caro saluto. Maurizio". E il volume della Rivista Araldica riporta numerose notizie dei Brunacci di Montenovo, che trascriviamo: "« 9) Memorie esistenti nella Biblioteca già dei Brunacci, i quali avevano anche una preziosa raccolta di antichità in Ostra Vetere, che poi donarono ai Frati Riformati. Vi sono, mi si afferma, di un Brunacci di matematica, Economia e Storia. « 10) Esiste ancora nella Chiesa di Ostra un monumento al Conte Antonio Brunacci, e in un palazzo « Aedes Brunacciorum » si conserva un bel camino antico con stemma, come è anche nella Chiesa dei Riformati. « 6) NOBILTA’ DI OSTRA VETERE, si desume dal monumento della Chiesa dei

 
Ostra Vetere: Si conclude il Corso di Tradizioni Popolari dell'Unitre in omaggio alla memoria di Fabrizio Lipani PDF Stampa E-mail
Martedì 24 Gennaio 2012 17:20

Si conclude il Corso di Tradizioni Popolari dell'Unitre in omaggio alla memoria di Fabrizio LipaniSi conclude stasera il ciclo delle lezioni del corso di Tradizioni Popolari dell'UniTre di Ostra Vetere, tenute dal nostro direttore Alberto Fiorani. Dieci lezioni che hanno preso inizio nello scorso novembre e che si sono snodate in una serie di appuntamenti settimanali dedicati alla storia dei personaggi più illustri che hanno segnato le vicende del territorio fin dagli albori dell'antichità. A sostenere il racconto è stata la collana di testi editi dal Centro di Cultura Popolare. Si conclude ora la serie, con un omaggio alla memoria dello scomparso Fabrizio Lipani, già presidente per lunghi anni del Centro di Cultura Popolare, che ha voluto ricordarlo assegnandogli il "Premio San Giovannino 2011" alla memoria e che verrà prossimamente consegnato ai familiari. E a fornire la traccia della lezione conclusiva di stasera proprio un volume, l'ultimo scritto da Fabrizio Lipani, "Guida breve di Ostra Vetere" quale omaggio al paese cui Fabrizio era particolarmente attaccato e che in questo volume ha voluto illustrare nei suoi

 
Ostra Vetere: All’Università della Terza Età si parla della storia del conte Nicolò Buscareto PDF Stampa E-mail
Martedì 17 Gennaio 2012 20:50

Alla Università della Terza Età si parla della storia del conte Nicolò BuscaretoNuova lezione del corso di Tradizioni Popolari, tenuto dal nostro direttore Alberto Fiorani. E questa sera si parlerà della storia di Nicolò di Bisaccione conte di Buscareto, che a metà del Trecento ebbe vasta fama di condottiero in tutte le Marche e nell’Italia Centrale. Ghibellino e filo-guelfo a seconda delle vicende politiche dell’epoca, si conquistò una vasta signoria nella media valle del Misa. Conquistò Jesi, e divenne signore di Belvedere, Montenovo, Corinaldo. Assalì Serra de’ Conti e divenne podestà di Arcevia. Figlio dei tempi, parteggiò per gli imperiali e poi per la Chiesa, fino a riottenere il Vicariato sui tre castelli di Montenovo, Corinaldo e Buscareto all’epoca del cardinale Albornoz. E come è tradizione, al corso dell'UniTre verranno distribuite ai presenti le pubblicazioni del Centro di Cultura Popolare. Quella preparata per l'occasione è il 165.mo volume della ricca collana di testi e che ha per titolo, appunto, "La storia di Nicolò di Bisaccione conte di

 
Ostra Vetere: All’Università della Terza Età si parla del re Alarico PDF Stampa E-mail
Martedì 10 Gennaio 2012 17:16

Alla UniTre si parlerà del feroce re AlaricoDopo la sospensione delle lezioni per il periodo natalizio, riprende stasera il corso di Tradizioni Popolari, tenuto dal nostro direttore Alberto Fiorani. E questa sera si parlerà di Alarico, re dei Visigoti, che nel 409 dopo Cristo incendiò e distrusse l'antica città romana di Ostra al piano delle Muracce. Ma chi era Alarico. Era il barbaro sanguinario che l'immaginario popolare colora a tinte fosche? Era il capo di un'orda di selvaggi che calarono all'improvviso in Italia e, durante la marcia alla conquista di Roma, seminarono distruzioni e morte, così come la storiografia consolidata ci racconta? Cosa erano venuti a fare i Visigoti in Italia e perchè se la presero anche con i nostri antenati? Tutte domande che troveranno alcune risposte stasera. E come è tradizione, al corso dell'UniTre verranno distribuite ai presenti le pubblicazioni del Centro di Cultura Popolare. Quella preparata per l'occasione è il 162.mo volume della ricca collana di testi e che ha per titolo, appunto,

 
Ostra Vetere: La vita e le opere del santo patrono in un volume del Centro di Cultura Popolare PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Giugno 2011 11:57

La vita e le opere del santo patrono in un volume del Centro di Cultura PopolareOggi, 24 giugno 2011, è la festa del patrono di Ostra Vetere, San Giovanni Battista. Il paese condivide i festeggiamenti patronali con numerosissimi altri comuni italiani, come Fabriano, Firenze, Torino, e tanti altri, essendo San Giovanni Battista uno dei santi, il primo e il più importante, in quanto "precursore" di Cristo e che con il battesimo ha dato inizio alla predicazione della buona novella del Salvatore. Dal volume n. 19 della collana di testi del Centro di Cultura Popolare dedicato a "Il patrono san Giovanni Battista" ricaviamo la vita del santo: "Giovanni nacque da una famiglia sacerdotale; suo padre Zaccaria era della classe di Abia e la madre Elisabetta discendeva da Aronne. Un giorno, mentre era nel tempio, apparve a Zaccaria l'arcangelo Gabriele annunciandogli il nome del nascituro e le sue caratteristiche: sarebbe stato grande davanti a Dio, pieno di Spirito Santo, operatore di conversione in Israele, precursore del Signore, con lo spirito e con il potere di Elia. Il luogo di nascita di

 
Ostra Vetere: Ricorre oggi la festa del fondatore delle Suore che hanno servito il paese per un secolo PDF Stampa E-mail
Martedì 07 Giugno 2011 15:32

Ricorre oggi la festa del fondatore delle Suore che hanno servito il paese per un secolo Il SANTO di oggi 7.06Sant' Antonio Maria Gianelli Vescovo, 7 giugno: ricorre oggi la festa annuale del fondatore dell’Ordine delle Suore Figlie di Maria Santissima dell’Orto, che hanno fornito alla popolazione di Ostra Vetere un secolo di assistenza socio-sanitaria, educativa e religiosa e alle quali il Centro di Cultura Popolare aveva assegnato l’edizione 1989 del Premio San Giovannino. In quella occasione aveva anche pubblicato uno dei suoi volumi monografici, il 22.mo della collana, scritto da padre Rolando Maffoli o.f.m. e da Renzo Fiorani, intitolato “Le Suore Figlie di Maria SS.ma dell’Orto. Un secolo di assistenza a Ostra Vetere”, del quale riproduciamo il frontespizio. Di seguito riportiamo la prefazione: “Giusto nel corso dell'ultimo anno, a far data dalla precedente edizione dell'annuale "Premio San Giovannino 1988" che si consegna nella occasione della festa del patrono di Ostra Vetere San Giovanni Battista il 24 giugno, le suore 'Figlie di Maria SS.ma dell'Orto' hanno

 
Ostra Vetere: Antica devozione locale all’umile santo francescano PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Maggio 2011 09:10

Antica devozione locale all’umile santo francescanoLe seguenti notizie sono tratte dal volume di Alberto Fiorani “Come vò tale e quale”, edito dal Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere nel 1998 e dedicato al culto di San Pasquale sviluppato a Ostra Vetere nei secoli: “San Pasquale Baylon, umile francescano aragonese vissuto alla fine del Cinquecento, gode di una vasta e antica devozione a Ostra Vetere e in un vasto ambito diocesano. Venne proclamato Beato da papa Paolo V nel 1618, proprio mentre era in costruzione il nuovo convento dei frati minori osservanti in Santa Croce a Ostra Vetere, per essere poi canonizzato da papa Alessandro VIII nel 1690, quando il convento ostraveterano era ormai diventato attivo centro religioso. Alla canonizzazione seguirono festeggiamenti grandiosi dalla Spagna all'Italia, alla Francia, alla Germania e fino alle lontane terre di Missione. Ovvio, quindi, che gli stessi frati del convento ostraveterano ne divulgassero immediatamente il culto con tale e tanta efficacia che l'annuale festività del 17 maggio, giorno della morte del

 
Marche: Tuttofood, 27 aziende marchigiane alla rassegna agroalimentare di Milano PDF Stampa E-mail
Domenica 08 Maggio 2011 08:01

Tuttofood, 27 aziende marchigiane alla rassegna agroalimentare di MilanoSono 27 le aziende marchigiane che parteciperanno alla Terza edizione di Tuttofood, la rassegna internazionale dell’agroalimentare professionale che si svolgerà, a Milano (quartiere espositivo di Rho), per quattro giorni, a partire da domenica 8 maggio. Saranno ospitate all’interno delle tre aree espositive che la Regione ha realizzato in collaborazione con le Camere di commercio e Confindustria Marche. Tuttofood è una delle principali manifestazioni espositive di settore, con oltre 200 marchi presenti nei quattro padiglioni occupati. Rientra tra i più importanti eventi promossi da Fiera Milano. Il paniere italiano è rappresentato dai grandi nomi dell’industria alimentare, con accanto piccole e medie imprese provenienti da tutte le regioni. Tuttofood ha sempre dedicato uno spazio privilegiato agli espositori istituzionali che accompagnano sul palcoscenico internazionale della rassegna milanese queste piccole realtà produttive che rappresentano, anche nel comparto agroalimentare, la spina

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 Succ. > Fine >>

Pagina 3 di 5

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.