Banca_Marche.jpg

Login

Chi è online

 695 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Gazzetta dj Comunicati Valorizzazione degli oli marchigiani monovarietali
Valorizzazione degli oli marchigiani monovarietali PDF Stampa E-mail
Lunedì 07 Dicembre 2009 07:56
I nostri oli monovarietali di raggia mognola frantoio leccino rosciolaIl recente Festival dell'Olio tenutosi a Ostra Vetere impone una riflessione sulla offerta di tipicità che gli oliveti delle nostre colline sono in grado di garantire ai consumatori. E' questo il periodo della raccolta delle olive e della massima attività dei frantoi che producono i nostri oli migliori. La Regione Marche può vantare un'ampia varietà di olivo grazie al cospicuo patrimonio varietale di cui dispone. La capacità di differenziarsi, di caratterizzare il proprio olio rappresenta, per le piccole e medie aziende olivicole delle nostre contrade, una possibilità in più di sopravvivenza, in un mercato che viene dominato sempre più dal fattore prezzo, laddove, quindi, l'Italia, le Marche e la nostra provincia non possono competere per ragioni strutturali, alla pari con la Spagna e soprattutto con i Paesi nordafricani. Indicare la varietà di cultivar dell'olivo di cui i nostri oliveti dispongono significa distinguersi, ma anche lanciare diversi messaggi al consumatore. Innanzitutto la tipicità del prodotto ma anche la capacità di innovazione dell'azienda, unita alla riscoperta della storia e delle tradizioni olivicole. Caratteristica degli oli monovarietali infatti è l'unicità di profumi e sapori, diretta espressione delle peculiari caratteristiche della singola varietà di oliva. Per quanto riguarda la provincia di Ancona è possibile distinguere le caratteristiche organolettiche di alcune delle principali cultivar:
Raggia: di fruttato medio-leggero, con toni erbacei ed evidente sentore di mandorla verde. Al gusto offre sensazione iniziale di dolce, con note di amaro e piccante di intensità medio-leggera. Buona la sua fluidità per un elevato contenuto in acido oleico.
Mignola: di fruttato medio, tendenzialmente verde, con particolare sentore di frutti di bosco. Al gusto offre sensazione iniziale di dolce, seguita da decise note di amaro e piccante, per un contenuto in polifenoli molto elevato.
Frantoio: di fruttato medio-leggero, con prevalente sentore di mandorla verde. Al gusto soffre ensazione iniziale di dolce, con gradevoli note di amaro e piccante. Buona la fluidità per un elevato contenuto in acido oleico.
Leccino: di fruttato leggero, mandorlato. Al gusto offre sensazione prevalente di dolce, con leggere note di amaro e piccante.
Rosciola Colli Esini: produce un olio di un leggero fruttato armonico, con caratteristico sentore floreale, tendenzialmente dolce, di colore giallo chiaro, con peculiare composizione acidica.
Con queste proposte monivarietali gli oli prodotti con le olive dei nostri oliveti sono in grado di competere alla pari con i grandi oli della tradizione mediterranea.

Chiara Fiorani

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.