Fondazione_Cassa_Di_Risparmio_Di_Jesi.jpg

Login

Chi è online

 178 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Gazzetta dj Comunicati Ancona (AN): Svim, dal Porto di Numana al Conero con la E-Bike
Ancona (AN): Svim, dal Porto di Numana al Conero con la E-Bike PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Agosto 2021 18:01

Ancona (AN): Svim, dal Porto di Numana al Conero con la E-BikePresentata la seconda azione pilota del progetto FRAMESPORT inerente il servizio di E-Bike che permetterà di visitare in maniera sostenibile e slow il Parco del Conero ai turisti e diportisti della città rivierasca. Presenta questa mattina a Numana la seconda azione pilota del progetto strategico di cooperazione transfrontaliera Italia-Croazia FRAMESPORT, acronimo di “FRAMEwork initiative fostering the sustainable development of Adriatic Small PORTs” inerente il servizio di E-Bike che permetterà di visitare in maniera sostenibile e slow il Parco del Conero ai diportisti della città rivierasca. Dopo la consegna della Bandiera Blu per qualità ambientale delle acque, alla cura della spiaggia e delle aree circostanti, fino ai servizi per una balneazione sicura, si riparte da uno dei più belli e puliti mari della regione Marche in e-bike alla scoperta dell’entroterra. Nello specifico l’azione pilota del progetto prevede l’organizzazione, gestione, promozione e monitoraggio, in via sperimentale, del servizio di mobilità sostenibile con e-bike. I fruitori del Porto di Numana avranno a disposizione una flotta di 8 e-bike gratuite, con sistema di prenotazione online al sito https://portonumana.superbikeplanet.it nel periodo agosto – settembre 2021, con orari giornalieri nella fascia oraria 08:00 - 20:00. La stazione e-bike è localizzata al Porto di Numana, punto di partenza per escursioni nell’area naturalistica del Parco del Conero. “L’intervento sperimentale di mobilità sostenibile, per migliorare i collegamenti del Porto con le attrazioni turistiche locali, compreso il Parco regionale del Monte Conero è stato attivato da Svim l’Agenzia di Sviluppo della Regione Marche nell’ambito dell’azione pilota, del Progetto Strategico di cooperazione transfrontaliera “FRAMEwork initiative fostering the sustainable development of Adriatic Small PORTs, -  dichiara l’Amministratore Unico di Svim Gianluca Carrabs – insieme al Servizio Regione Marche - Servizio Tutela, Gestione e Assetto del Territorio ed il Comune di Numana, partners associati del Progetto. Un’azione che riguarda l’ambito tematico Ambiente e Energia, in linea con gli obiettivi strategici previsti nel “Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia”, e del supporto di Svim ancora una volta fornisce, alle Amministrazioni locali per mettere in atto politiche volte a ridurre le emissioni di gas effetto serra”. “Grazie a questo progetto – ha sottolineato il Sindaco di Numana Gianluigi Tombolini – possiamo mettere a disposizione dei diportisti che visitano Numana e il territorio circostante 8 biciclette elettriche con pedalata assistita che dalla splendida cornice marina del porto consentono di effettuare qualsiasi itinerario in libertà e in armonia con la natura”. “Questo è uno dei tanti progetti sviluppati in questi ultimi mesi e che, messi a sistema stanno portando i loro frutti in campo ambientale – ha dichiarato Stefano Aguzzi Assessore con delega all’Ambiente Regione Marche – su tutto il territorio regionale. Nello specifico quello che presentiamo questa mattina si caratterizzata dal fatto che si dipana in un’area di straordinaria bellezza come Numana e il Parco del Conero; è una mobilità sostenibile perfetta per un’area posta tutela ambientale; infine crea la possibilità al turista di godere delle bellezze di questo territorio mettendo a sistema il mare e l’area del retroterra”. “La mobilità attraverso le bici elettriche – ha rimarcato Daniele Silvetti Presidente Ente Parco Regionale del Conero – è una grande opportunità per fruire del territorio in maniera sostenibile. L’opportunità riguarda, ovviamente, non solo il territorio del Parco ed i comuni che lo compongono, ma penso ad un sistema che consenta al turista di raggiungere la cinta dei comuni limitrofi in maniera green. La pista ciclabile già esistente consente ad esempio di giungere oggi da Numana a Porto Recanati e da qui a Loreto ed alla sua Basilica, consentendo a tutti coloro che sono interessati al turismo religioso di raggiungerla senza dover affittare un’auto. Lo stesso vale per l’offerta culturale-archeologica di Osimo e di Camerano e quella storico-artistica di Castelfidardo anche se un tratto di quel percorso ciclabile va completato. Il Parco del Conero con le sue bellezze e le sue attrattività, può fungere da volano per la promozione di un territorio che vada bel al di là dei suoi confini con lo spirito tipico che ha caratterizzato storicamente le aree protette che riguarda la mobilità sostenibile ed il turismo lento”. “Quello presentato oggi – ha rimarcato Vito Andrea Siciliano Tenente di Vascello Ufficio Locale Marittimo di Numana – è sicuramente un progetto per il quale non possiamo esimerci da sostenere e le cui motivazioni di crescita e sviluppo dell’intero territorio sentiamo di far proprie, evidenziando la grande sensibilità ambientale dimostrata da chi ha lavorato affinché questo progetto potesse concretizzarsi, in piena sintonia con una delle principali “mission” del Corpo delle Capitanerie di Porto votato alla tutela dell’ambiente marino e più in generale di tutta la tematica ambientale.  Essere al fianco di questa iniziativa con questa uniforme è pienamente coerente con ciò che l’intero corpo si è prefisso, alla luce del nuovo orizzonte di sostenibilità cui l’intero paese si rivolge, ed iniziative come queste, che rispettano e perseguono profili di sostenibilità dei trasporti, non possono che farci ben sperare affinché lo stesso standard si raggiunga ben presto nel trasporto marittimo, un cambiamento che già inizia a prender forma con iniziative rivolte a chi va per mare”. “Il progetto – aggiunge Andrea Ballarin project manager di CORILA (Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia) – coinvolge 16 enti italiani e croati come partner ed altri 12 come associati garantendo la completa copertura geografica dell’area costiera adriatica, impegna oltre 7 milioni di euro (l’85% dei quali finanziati dal Fondo europeo di Sviluppo Regionale - FESR) e prevede la realizzazione di una piattaforma ICT che raccoglierà dati e best practice al fine ultimo di proporre un piano strategico per il miglioramento di servizi, infrastrutture e modelli di business per un’evoluzione sostenibile dei piccoli porti nel medio-lungo termine”. CHE COSA È FRAMESPORT. Framework initiative fostering the sustainable development of Adriatic small ports - FRAMESPORT è un progetto strategico di €7.138.832,90, cofinanziato (85%) dal Fondo Europeo di Sviluppo regionale nell’ambito del Programma INTERREG VA ITALIA-CROAZIA, coordinato da CORILA, coinvolge 15 partner di progetto e 12 partner associati dei due Paesi dell’Adriatico. Il progetto ha l’obiettivo di uno sviluppo integrato, sostenibile e strategico dei piccoli porti nell’area adriatica, affinché ne diventino motori per lo sviluppo socio-economico. Tra le attività previste da progetto lo sviluppo di azioni pilota, per la sperimentazione su scala locale di soluzioni ambientalmente ed energeticamente sostenibili, di soluzioni digitali innovative a vantaggio dello sviluppo piccoli porti. Il Free E-BIKE è una delle azioni sviluppate dal partner SVIM, in collaborazione con il partner associato Comune di Numana e Regione Marche, al fine di testare e valutare soluzioni per migliorare i collegamenti del porto turistico e, allo stesso tempo, sviluppare modalità di trasporto sostenibile per ridurre i consumi energetici e l'impatto ambientale. I NUMERI DEL PROGETTO FRAMESPORT. Budget Totale di Progetto € 7.138.832,90 - Budget Totale sul territorio marchigiano € 490.000,00 - Budget sul territorio marchigiano per azioni pilota e dimostrative nei porti turistici di Numana e Vallugola/Gabicce Mare € 160.000,00. IL PARTENARIATO DI FRAMESPORT È COMPOSTO DA: Coordinatore – CORILA: Consorzio per il coordinamento delle attività di ricerca sul sistema lagunare di Venezia PP1 – Comune di Monfalcone - PP2 – ITL: Fondazione ed Istituto sui trasporti e la Logistica - PP3 – ASSET: Agenzia Regionale Strategica per lo sviluppo ecosostenibile del Territorio –Regione Puglia - PP4 –  Svim Marche – Sviluppo Marche S.r.l. - PP5 – ARAP: Agenzia Regionale delle Attività Produttive- Regione Abruzzo - PP6 – AAST Termoli: Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Termoli - PP7 –  Umag - Novigrad Port Authority - PP8 –  Primorje - Gorski Jotar country - PP9 – County Port Authority of Zadar - PP10 –  Sibenic Port Authority - PP11 – PFRI: Università di Rijeka, Facoltà di Studi Marittimi - PP12 – Logoteam d.o.o. - PP13 –  Euro – Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici - PP14 –  Senj Port Authority - PP15 –  Directoract of Maritime AffairsPartners Associati - PP17 – Regione Marche - PP18 – Comune di Gabicce Mare - PP19 – Comune di Numana - PP20 – Comune di Termoli - PP21 – Comune di Campomarino - PP22 – Comune di Montenero Di Bisaccia - PP23 – Guidotti Ships S.r.l. - PP24 – Marinucci Yachting Club S.r.l. - PP25 – Regione Friuli – Venezia Giulia - PP26 – Regione Veneto - PP27 – Comune di Rimini - PP28 – Regione Emilia Romagna.

da SVIM

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.