Fondazione_Cassa_Di_Risparmio_Di_Jesi.jpg

Login

Chi è online

 161 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Gazzetta dj Comunicati Dalle Marche: 4 sentenze sulla caccia danno ragione alla Regione
Dalle Marche: 4 sentenze sulla caccia danno ragione alla Regione PDF Stampa E-mail
Sabato 01 Agosto 2020 17:55

Dalle Marche: 4 sentenze sulla caccia danno ragione alla RegioneQuattro sentenze in materia di caccia validano le decisioni della Regione Marche. La soddisfazione dell’assessore Moreno Pieroni per le pronunce emesse in Luglio e che dirimono molte questioni che erano aperte. Un mese favorevole quello di Luglio per l'Assessorato alla Caccia della Regione Marche. Ben quattro pronunce giurisdizionali in questo mese hanno dato ragione alle decisioni della giunta regionale in materia di Caccia confermandone i contenuti di legittimità  e di merito. Mercoledì 22 luglio il TAR Marche si è pronunciato negando la sospensione dell'efficacia (sospensiva) del nuovo Piano Faunistico Venatorio regionale, richiesta con uno specifico ricorso  avanzato da più associazioni ambientaliste. ”Un Piano che resta, quindi, pienamente operativo – rimarca con soddisfazione l’assessore regionale alla Caccia e Pesca Sportiva, Moreno Pieroni – e che può produrre i suoi effetti“. Altra sentenza importante il 23 luglio, quando la Corte Costituzionale ha emesso la sentenza n. 160 che diventa nodale per la legge regionale n.7/95 dichiarando la piena legittimità dell’art. 25. Tale articolo consente, infatti, anche ai cacciatori di svolgere attività di gestione, compresi gli abbattimenti, purché quei cacciatori siano stati formati con specifici corsi abilitanti e agiscano sotto il controllo della Polizia Provinciale. Altre due pronunce del TAR delle Marche, pubblicate ieri 31 luglio, avallano la validità di quanto stabilito dalla giunta regionale: decidendo definitivamente nel merito il Tar ha dichiarato pienamente legittimi i Calendari Venatori 2018/19 e 2019/20. Assumono particolare interesse alcuni passaggi contenuti nelle motivazioni di tali sentenze: la validità delle preliminari (ai calendari), le Valutazioni di Incidenza effettuate dalla Regione, nonché i periodi di caccia e le singole specie cacciabili. Per questi ultimi il TAR ha sancito il pieno rispetto delle normative vigenti (sui periodi di caccia) e degli studi scientifici internazionali sulle specie selvatiche oggetto di attività venatoria. “Una serie positiva di decisioni giurisdizionali – ha concluso Pieroni – che avvalorano il lavoro fatto e condiviso con l’intera giunta regionale, a comprova dell’approfondimento con cui abbiamo affrontato queste tematiche. Non posso che esprimere una forte soddisfazione e un sentito ringraziamento alla struttura amministrativa della Caccia e al Servizio Legale della Regione per il loro impegno e alle associazioni venatorie che ci hanno sostenuto in questo percorso anche come consulenza legale“.

Da Ufficio Stampa e Comunicazione della Regione Marche

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.