BCC_Ostra_Vetere.jpg

Login

Chi è online

 202 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Gazzetta dj Comunicati Ostra Vetere: E’ morto padre Giacomo Bini di Ostra Vetere che fu Generale dell’Ordine dei Frati Minori
Ostra Vetere: E’ morto padre Giacomo Bini di Ostra Vetere che fu Generale dell’Ordine dei Frati Minori PDF Stampa E-mail
Domenica 11 Maggio 2014 16:25

E’ morto padre Giacomo Bini di Ostra Vetere che fu Generale dell Ordine dei Frati MinoriHa destato notevole impressione in paese la notizia, che si è subito diffusa in paese, della improvvisa morte del nostro grande compaesano padre Giacomo Bini. Ieri l’altro nella mattina padre Giacomo, che è stato ministro generale dei Frati Minori, dopo una improvvisa malattia è tornato al cospetto di Dio. Ne hanno dato notizia stamattina i frati del convento di Santa Croce di Ostra Vetere invitando tutti alla preghiera, così come tutti i francescani secolari d'Italia si sono uniti alla preghiera della famiglia francescana e in particolar modo ai Frati Minori. La salma del nostro caro padre Giacomo è stata esposta presso le celle mortuarie dell’ospedale di Tor Vergata dalle ore 11.00 alle ore 12.00 di sabato 10 maggio per essere poi esposta a Palestrina nella chiesa del Convento san Francesco in via san Francesco 49 a partire dalle ore 16.00 di sabato 10 maggio. Domani, lunedì 12 maggio, la celebrazione delle esequie si svolgerà a Grottaferrata (RM) presso la Chiesa delle Suore Francescane Missionarie di Maria in via Anagnina, 26 alle ore 10.30. La salma sarà quindi tumulata al cimitero di Marino (RM) assieme ai genitori di padre Giacomo. Già Ministro generale dell’Ordine (1997-2003), padre Giacomo aveva 75 anni ed era nato ad Ostra Vetere il 23 agosto 1938 da Amalio e Teresa Tanfani. Il 18 settembre 1956 era entrato nell’Ordine, nella Provincia Picena di san Giacomo della Marca, dove ha emesso la Prima Professione il 19 settembre 1957 e la Professione Solenne il 7 settembre 1963. È stato ordinato sacerdote il 14 marzo 1964 e nella Provincia marchigiana ha ricoperto gli incarichi di Maestro dei Novizi, Definitore e Vicario provinciale. Nel febbraio del 1983 era partito per la missione ad gentes e si è incardinato nella Vice-Provincia di San Francesco in Africa e Madagascar, dove gli sono stati affidati i servizi di Definitore e Vicario provinciale. Nel sessennio immediatamente precedente alla sua elezione a Ministro generale, è stato Ministro provinciale a Nairobi, in Kenya. Ha studiato per due anni all’Institut Catholique di Parigi e, nel 1971 presso l’Università di Strasburgo ottenendo il Dottorato in Scienze Religiose con la tesi: “Peccato e penitenza in san Basilio di Cesarea”. È stato Ministro generale dal 1997 al 2003. Nel 2007 è stato nominato Guardiano della Fraternità Internazionale di Palestrina, dipendente dal Ministro generale, sorta come concretizzazione del Seminario del 2006 sulle “Nuove Forme di Evangelizzazione in Europa”. Attualmente era Presidente della Fondazione “Beato Egidio”, che comprende, oltre a Palestrina, anche Istanbul. Il Signore delle misericordie lo accolga nel suo abbraccio di luce e di pace. Ostra Vetere perde con lui un frate minore figlio del nostro Convento.

Chiara Fiorani

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.