Ostra Vetere: Adesso il PD invoca più tutele per i sindaci. Adesso. E prima? PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Luglio 2021 19:17

Ostra Vetere: Adesso il PD invoca più tutele per i sindaci. Adesso. E prima?Come "montenovonostro" raccogliamo l’invito ad una attenta riflessione sulla recente giravolta anti-giustizialista del PD espressa ieri dal Circolo di Scelta Popolare (http://www.ccpo.it/comunita/scelta-popolare/60913-ostra-vetere-la-nuova-sterzata-anti-giustizialista-del-pd), per esprimere un nostro misurato giudizio. Sappiamo bene che la materia è delicata. Talmente tanto che simili vicende hanno interessato e interessano tuttora anche le comunità circonvicine. Anche in maniera dolorosa e talvolta persecutoria. Ma per allargare lo sguardo un po' più in là senza strumentalizzare fatti vicini, dobbiamo pur rilevare la singolare concidenza fra la crisi spaventosa della giustizia, da una parte, e il giudizio di ripulsa espresso negli anni precedenti verso un certo mondo politico che sembrava concentrare tutti gli interessi inquirenti verso le aree politiche di centro, prima, e di destra, poi. Lasciando marginalmente coinvolte le aree politiche di sinistra. Come mai? Da un po' di tempo a questa parte l'azione giudiziaria e penale sta invece progressivamente coinvolgendo anche le amministrazioni a guida PD. E sono tanti gli esempi recenti, spesso con motivazioni le più varie, da quelle più gravi a quelle addirittura ridicole. L’ultimo caso è stato quello del sindaco di Crema Stefania Bonaldi che ha ricevuto un avviso di garanzia per lesioni colpose per il ferimento di un bambino con una porta di sicurezza della scuola comunale. E per questo è stata ascoltata in Procura. Raffaello De Ruggeri, sindaco di Matera, è stato accusato di omicidio colposo per la mancata manutenzione di un tratto stradale della città il cui dissesto ha causato un incidente mortale nel novembre del 2018. E il caso più noto è forse quello del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, addirittura accusato di truffa ai danni dello Stato per non aver assunto un numero adeguato di musicisti nella rappresentazione di Rigoletto. Appare dunque giusta la mobilitazione per una revisione della legislazione che sovrintende al loro operato: ai primi di luglio tanti sindaci hanno manifestato in Piazza Monte Citorio non per chiedere immunità, ma per maggiori tutele. Troppo spesso sono stati caricati di obblighi penali e civili su materie e contesti su cui non hanno assolutamente competenza, tendendo conto anche del fatto che il più delle volte si trovano ad agire in situazione di emergenza e con scarsissime risorse. L’Anci, l’associazione dei Comuni, ha anche preparato un documento che ha poi consegnato alla presidenza del Consiglio. Di fronte a questa situazione, l'onorevole Andrea De Maria, deputato del Partito Democratico e Segretario di Presidenza della Camera dei Deputati, ha preso posizione a proposito, dichiarando: "Ci avviciniamo a una tornata di elezioni amministrative molto importanti: io penso che il Partito Democratico debba sostenere i propri candidati assicurando loro il massimo impegno dei parlamentari per dare ai primi cittadini che verranno quello che coloro che li hanno preceduti chiedono". Ah! ecco. Sono le prossime elezioni comunali che si annunciano particolarmente complicate per il PD, che adesso il PD si muove. Altro che i sani principi generali di equanimità e giustizia: è la convenienza di parte che fa fare giravolte anche a quelli che un tempo erano intransigenti giustizialisti. Adesso che il giustizialismo si potrebbe ritorcere contro il PD, allora bisogna cambiare le carte in tavola. Ma qualcosa di analogo sono abituati a farlo i bari. E invece noi, che anche nel nostro simbolo elettorale abbiamo inserito i tre cardini fondamentali del nostro pensiero di Libertà-Autonomia-Giustizia, vogliamo andare a vedere fino in fondo cosa nasconde davvero questa inimmaginabile giravolta. Torneremo eccome sull'argomento, anche per le vicende passate e presenti che hanno interessato le nostre comunità locali. Perchè adesso il PD invoca più tutele per i sindaci. Adesso. E prima?

da montenovonostro

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.