BCC_Ostra_Vetere.jpg

Login

Chi è online

 110 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Comunità montenovonostro Ostra Vetere: Mensilario dell’Unione-Fusione e muore l’Autonomia 16/03/2018
Ostra Vetere: Mensilario dell’Unione-Fusione e muore l’Autonomia 16/03/2018 PDF Stampa E-mail
Lunedì 16 Aprile 2018 17:12

Ostra Vetere Mensilario dell Unione Fusione e muore l Autonomia 16 03 2018Ce l’ha fatta. Bruciando tutti sul filo di lana, il Partito Deformatico ha fatto abbattere la scure contrattuale sulle radici delle Autonomie Municipali. Né ha voluto far svolgere, come avevamo insistentemente chiesto, l’unico strumento vero della democrazia (contraddicendo addirittura lo stesso nome che si sono scelti per il loro partito) che è il Referendum, strumento e simbolo di Libertà e Giustizia per la difesa dell’Autonomia. Giorno più nefasto di quello odierno non poteva ricorrere. Senza stare a sentire nessuno, il rosseggiante e sferrazzante treno-PD, incurante delle recenti clamorose sconfitte cumulate, come quelle della fusione Senigallia-Morro D’Alba, del Referendum Costituzionale del 4 dicembre scorso e delle Elezioni Politiche dello scorso 4 marzo, ha tirato dritto e l’ha fatta grossa. Cade oggi, infatti il Mensilario (l’anniversario mensile) dell’Unione-Fusione che fa morire l’Autonomia Municipale. E adesso ci rimane una sola cosa da fare: rovesciare l’attuale maggioranza di sinistra che purtroppo abbiamo qui a Ostra Vetere e sostenere unanimemente “montenovonostro” a raggiungere la maggioranza nelle elezioni amministrative comunali anticipate che si terranno il prossimo 10 giugno 2018. Solo così si allontanerà definitivamente lo spettro della riduzione di Montenovo a smunta e misera frazione periferica di Senigallia Magna. Solo "montenovonostro” promette infatti che, se gli verrà affidato con il voto dai nostri compaesani il compito di tornare a guidare il Comune, revocherà immediatamente tutti gli atti amministrativi lesivi della Libertà, dell’Autonomia e della Giustizia locale che solo “montenovonostro” programmaticamente difende. Solo così verrà fermato il pauroso progetto di rossa collettivizzazione e globalizzazione di beni, strutture, infrastrutture, servizi e personale che il PD ciecamente ha realizzato in danno della comunità locale. Dobbiamo tutti impedire che venga commesso uno scempio istituzionale che sarebbe tragicamente irreversibile, dopo 900 anni di Libertà e di autogoverno locale. Per questo lanciamo un accorato appello: uniamoci tutti ad aiutare Montenovo a sopravvivere e ad addebitare ai firmatari dello sciagurato accordo iugulatorio i pesi e i danni da loro stessi provocati. Chiamiamo tutti a collaborare, di qualunque idea politica anche diversa ma tuttavia orientata all’unico scopo di salvare il Comune di Montenovo, per formare una Lista Unica Per l’Autonomia che sia alternativa a quello che rimane del Partito Deformatico e sostenerla convintamente, spiegando bene a familiari, amici e conoscenti il gravissimo rischio che sta correndo il nostro paese ridotto com’è dopo un trentennio di amministrazioni rosse, salvo pochi anni di intermezzo. Solo una massiccia mobilitazione popolare potrà scongiurare il pericolo ormai definitivo, imposto artificiosamente da ciò che rimane della maggioranza conquistata dalla sinistra a causa del tradimento civile, politico e istituzionale dai dimissionari di cinque anni fa, senza passare attraverso l’unico strumento di Liberà, Autonomia e Giustizia, che è il Referendum popolare, che il PD nega. Appena eletta, la nuova maggioranza proporrà immediatamente un Referendum abrogativo per ascoltare la volontà vera dei compaesani e, se gli altri sindaci PD dovessero negarlo, revocherà immediatamente le delibere e la firma che ha incautamente apposta un mese fa il sindaco che purtroppo tuttora abbiamo. Così ha distrutto novecento anni di Libertà, di Autonomia e di Giustizia paesana: l’esatto opposto di quello che fece l’eroico sindaco Bruno e i suoi 58 eroici amici montenovesi che fra il 1240 e il 1252 si opposero strenuamente allo scomunicato imperatore ghibellino jesino Federico II, nipote del tenebroso Federico I Barbarossa, che aveva invaso con le sue milizie teutoniche e mussulmane le nostre Valli del Misa e del Nevola per schiacciare sotto il tallone dell’invasore il libero Comune di Montenovo. Come spiega il volume numero 7 della collana dei testi del Centro di Cultura Popolare e scritto da Alberto Fiorani e padre Rolando Maffoli o.f.m. dal titolo Il processo del 1252 per l'incastellamento di alcune famiglie barbaresi a Montenovo, Ostra Vetere (AN) Centro Cultura Popolare, 1981, pp. 64 che è allegato in formato PDF in coda a questo comunicato, con l’invito a leggerlo, copiarlo, distribuirlo ad amici e parenti affinchè tutti sappiano la nostra gloriosa storia locale antica, della quale dobbiamo tutti essere orgogliosi. Non disperdiamo la memoria di quei fatti gloriosi e opponiamoci uniti, come seppero fare ottocento anni fa i nostri eroici predecessori contro l’invasore nipote del Barbarossa, ai nuovi invasori rossi senigalliesi del Partito Deformatico per difendere la Libertà di Montenovo, oggi messa sciaguratamente in pericolo. Viva e sopravviva Montenovo. Viva montenovonostro.
da montenovonostro

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del File
Scarica questo file (007Barba3Ed_1_2.pdf)007Barba3Ed_1_2 2163 Kb
 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.