Banca_Marche.jpg

Login

Chi è online

 81 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Comunità montenovonostro Dalle Marche: Dove ci porta lo sbrigativismo avanguardista degli irresponsabili sprovveduti
Dalle Marche: Dove ci porta lo sbrigativismo avanguardista degli irresponsabili sprovveduti PDF Stampa E-mail
Lunedì 31 Ottobre 2016 16:20

Dalle Marche Dove ci porta lo sbrigativismo avanguardista degli irresponsabili sprovvedutiRisveglio da tregenda, quello di ieri mattina. Non si è quietato l’urlo pauroso del terremoto che con un nuovo schiaffone ha completato l’opera distruttrice iniziata un paio di mesi fa, seminando nuove paure. E quella che sembrava ormai una pagina conclusa di tragica storia eccezionale, si è nuovamente riaperta con nuove preoccupazioni e nuovi timori: alle 7.41, con un boato tremendo di magnitudo 6.5, il più devastante mai sentito, il suolo si è abbassato anche di 70 centimetri e una profonda incisione segnala sui monti la devastante potenza delle forze della natura. Le tendopoli frettolosamente smontate all’insegna di un efficientismo frettoloso dimostra la supponente imprevidenza dello sbrigativismo avanguardista degli irresponsabili sprovveduti. Subito il presidente del Consiglio dei ministri, in conferenza stampa da Palazzo Chigi, ha presentato il decreto per fronteggiare la nuova emergenza sisma e ha assicurato che, in merito alle risorse, "non c'è nessun braccio di ferro con Bruxelles". Ha anche autorizzato uno stanziamento aggiuntivo di 40 milioni di euro. Ma intanto gli sfollati hanno passato la prima notte in auto, o nelle palestre e tensostrutture allestite appositamente in tutta fretta, mentre lamentano le tendopoli che non ci sono più. Tolte, sparite per far vedere come siamo bravi a intervenire e rimettere tutto a posto subito. Ma da domenica mattina altre 700 scosse si sono susseguite, mentre per il sindaco di Norcia: "Metà della popolazione non se ne vuole andare". E la statua del grande santo Benedetto da Norcia indica sull’orologio della sua basilica distrutta l’ora fatale. Altri pensosi “esperti” sconsigliano invece il reisediamento sul posto e pensano all’esodo di massa verso la costa, tanto per aggiungere altro combustibile al fuoco sordo della rabbia impotente della popolazione, sballottata a destra e a manca. E che non ci siano soluzioni alternative lo ha subito chiarito il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio: “L’assistenza deve continuare in direzione di portare le persone sulla costa, al momento non ci sono possibilità di assistenza in loco”. Evidentemente manca ogni idea studiata di previdente visione del futuro di quelle aree in caso di calamità. E’ quello che capita anche a noi per l’imprevidenza di trent’anni di amministrazioni sfasciste e inconcludenti sulla quale torneremo ad approfondire nei prossimi giorni. Intanto non possiamo fare altro che rilevare sconsolati: ecco dove ci porta lo sbrigativismo avanguardista degli irresponsabili sprovveduti.

da montenovonostro

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.