Fondazione_Cassa_Di_Risparmio_Di_Jesi.jpg

Login

Chi è online

 245 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Comunità giustiziagiusta Dall’Italia: Verminaio giudiziario
Dall’Italia: Verminaio giudiziario PDF Stampa E-mail
Giovedì 29 Luglio 2021 17:26

Dall’Italia: Verminaio giudiziario Il pubblico ministero "più importante d'Italia", Giovanni Salvi, attuale procuratore generale della Corte di Cassazione, svolge un ruolo importantissimo in quanto titolare della azione disciplinare nei confronti dei magistrati. Salvi è stato scelto per quell'incarico dal Consiglio Superiore della Magistratura a novembre del 2019, dopo che il predecessore Riccardo Fuzio era stato costretto qualche mese prima alle dimissioni, dopo essere stato intercettato mentre parlava con Luca Palamara del procedimento aperto a Perugia nei confronti di quest' ultimo. Fuzio per quella conversazione venne indagato per «rivelazione del segreto d'ufficio», accusa da cui comunque è stato completamente assolto la scorsa settimana. A favore di Salvi, esponente di Magistratura democratica, la corrente di sinistra della magistratura, si erano espressi anche il pubblico ministero antimafia Nino Di Matteo e Piercamillo Davigo. Originario di Lecce, 69 anni, Salvi viene da una famiglia molto importante: il padre era un famoso avvocato, il fratello maggiore, Cesare, è stato professore universitario di Diritto e, soprattutto, politico di primo piano del PCI ai tempi di Enrico Berlinguer, divenendo ministro del Lavoro durante i governi D'Alema e Amato, vice presidente del Senato e presidente della Commissione giustizia di Palazzo Madama. All'indomani dello scoppio dello "scandalo Palamara", Salvi deve affrontare due casi complicati: il primo contro Palamara e i partecipanti all'incontro avvenuto all'hotel Champagne di Roma dove l'ex presidente dell'Associazione Nazionale Magistrati discuteva di nomine con i deputati Cosimo Ferri e Luca Lotti; il secondo contro le centinaia di magistrati che telefonavano a Palamara per avere un incarico o una nomina. Nel giugno del 2017 sulla terrazza del Martis Palace, lussuoso albergo nel centro di Roma, Salvi aveva infatti ospitato a pranzo Palamara, allora potentissimo presidente della Commissione per gli incarichi direttivi del CSM, per caldeggiare la propria candidatura a procuratore generale della Cassazione. Nei giorni scorsi, infine, è arrivata la grana del pubblico ministero Paolo Storari, il pubblico ministero milanese che aveva cercato sponda al CSM con Davigo contro l'asserita inerzia dei suoi capi nel fare accertamenti sulla loggia Ungheria rivelata dall'avvocato Piero Amara. Salvi ha chiesto al CSM di trasferire Storari da Milano. Alla vigilia dell'udienza alla commissione disciplinare sulla richiesta di trasferimento cautelare d’urgenza e il cambio di funzioni, il magistrato Storari ha presentato la sua difesa rispetto alle “tre gravi scorrettezze” contestate dal procuratore generale della Cassazione Salvi, titolare dell’azione disciplinare nei suoi confronti.

da giustiziagiusta

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.