Banca_Marche.jpg

Login

Chi è online

 251 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Comunità giustiziagiusta Ancona: Bancarotta dell’Aerdorica, inquisiti Morriale e Conti
Ancona: Bancarotta dell’Aerdorica, inquisiti Morriale e Conti PDF Stampa E-mail
Giovedì 20 Maggio 2021 17:46

Ancona: Bancarotta dell’Aerdorica, inquisiti Morriale e ContiIl fragore con cui torna a esplodere lo scandalo dell'Aerdorica non poteva essere minore. Nell'inchiesta della Procura vengono mosse accuse di «Gestione societaria coi soldi dovuti all'erario e bonus per traguardi mai tagliati». E così a 29 persone viene contestata la bancarotta e a 27 di queste anche il peculato. Per gli inquirenti, i reponsabili volevano perseguire vantaggi personali, ma anche dare un'immagine rassicurante di gestione positiva dell'infrastruttura e ottenere risorse finanziarie da Regione e altri enti creditizi. Nell’inchiesta aperta per peculato e bancarotta fraudolenta, la Procura parla di distrazione di fondi pubblici, dissipazione di risorse, operazioni dolose e spese correnti costantemente eccessive rispetto ai ricavi prevedibili dell’aeroporto Raffaello Sanzio di Falconara Marittima. Tutto ciò in un contesto di consapevolezza dello stato di crisi e insolvenza progressiva dell'Aerdorica. La società era stata presa in mano nel 2007 da Marco Morriale, direttore generale fino al 2013. Per la procura il manager, con la compiacenza di quelli che dovevano essere gli organi di controllo, avrebbe distratto dalla società almeno 400mila euro, per l’ottenimento di bonus personali liquidati per circa 217mila euro nel 2012, ancor prima della approvazione del bilancio, dopo aver fatto falsamente figurare il raggiungimento di alcune performances, necessarie proprio per lo sblocco dei bonus. Sotto la gestione Morriale ci sarebbero state irregolarità per l'affidamento degli appalti, con fatture gonfiate per lavori eseguiti solo in parte da imprenditori compiacenti, l’alterazione della documentazione fiscale, la contabilizzazione di falsi ricavi, acquisti di apparati pagati in modo spropositato per il loro valore, alcuni dei quali mai utilizzati da Aerdorica, come un'officina mobile pagata circa 32mila euro. A Morriale viene anche contestato di aver addebitato ad Aerdorica spese personali, come pasti nei ristoranti, noleggio auto, pernottamenti, pagamento di multe per la violazione di norme del codice della strada. Tra gli indagati insieme a Marco Morriale (dg dal 2007 al 2013), anche Mario Conti presidente del Consiglio di amministrazione di Aerdorica dal 2007 al 2010. A partire dalla ricezione delle notifiche dell’avviso di conclusione delle indagini, tutti i 29 indagati avranno venti giorni di tempo per presentare in Procura una memoria difensiva, oppure decidere se farsi ascoltare dagli inquirenti. A tutti viene contestata la bancarotta fraudolenta e a 27 il peculato. Scaduti anche i termini di proroga delle indagini ora il pm deciderà per l’archiviazione o il rinvio a giudizio.

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.