a MONTENOVO i fatti nostri del 28 giugno PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Giugno 2021 00:00

a MONTENOVO i fatti nostri del 28 giugno1837 - La Compagnia Strionica che aveva recitato al Teatro Condominiale di Montenovo è tornata in Corinaldo, ma hanno pubblicato che sarebbe tornata il primo luglio. (Alberto Fiorani, Teatro e Teatranti a Montenovo, testo 011, 1983, p. 117).

1881 – Dopo che 220 cittadini montenovesi avevano comunicato al Municipio la ferma intenzione di vedere tutelati i diritti del proprio Paese sull’antico nome di Ostra provocando una Adunanza Consiliare perchè provvedesse all'uopo, il Consiglio Comunale a unanimità dei 15 Consiglieri presenti, per essere gli altri 5 impediti ed altrove domiciliati, affermava il proprio diritto deliberando il cambiamento di denominazione in Ostra; diritto consentitogli da secoli e da tutti gli storici passati e viventi, come ebbero a dichiarare in tale occasione anche illustri scienziati stranieri. E la stessa rappresentanza del Comune, dopo aver replicato nuove proteste al Ministero, affidava al compaesano Prof. Davide Marchese Buti Pecci l'incarico di raccogliere tutti i documenti valevoli a comprovare il nostro diritto su "Ostra" e formulare di conseguenza una "MEMORIA STORICA" da presentarsi al Ministero dell'Interno. (Fiorani Alberto, Alarico, testo 162, Ostra Vetere (AN), Centro Cultura Popolare, 2011, pp. 35-36).

Tutte le notizie sono tratte dalle pubblicazioni a stampa o dalle pagine elettroniche del sito internet del Centro di Cultura Popolare di Ostra Vetere (AN), che sono indicate singolarmente nelle note, e che sono in continuo aggiornamento. Per approfondire le notizie, consultare i volumi originali, il cui elenco completo si trova nella pagina http://www.ccpo.it/centro-cultura-popolare/pubblicazioni di questo sito internet www.ccpo.it, o le singole pagine citate del sito stesso.

da Centro Cultura Popolare