Milano: Sequestati alla leghista Irene Pivetti 1,3 milioni di mascherine cinesi contraffatte Stampa
Giovedì 22 Luglio 2021 17:28
“significativamente diverse da quelle pattuite in particolare per qualità, in quanto hanno un potere filtrante inferiore rispetto allo standard promesso, e non possono neppure essere commercializzate in assenza di adeguata certificazione”. Il sequestro è avvenuto in magazzini della Lombardia e in un magazzino in provincia di Pisa. E' questo uno sviluppo dell’indagine che la procura di Savona aveva avviato l’anno scorso, in piena prima ondata di Covid, dopo il sequestro di una fornitura di mascherine in una farmacia della città ligure. Andando a ritroso nella filiera di distribuzione, gli inquirenti erano risaliti alla Only Italia Logistic della Pivetti, che già un anno fa aveva subito più di un sequestro preventivo di merce. Oltre al successivo sequestro, disposto dalla procura di Busto Arsizio, cui nel frattempo erano stati trasferiti gli atti per competenza, di 1,2 milioni di euro. Una vicenda attuale, cui si aggiunge anche l’indagine per riciclaggio su altre operazioni di import-export con la Cina condotta dalla Procura di Milano, nel giugno del 2020 aveva inviato le Fiamme Gialle a perquisire l’abitazione della Pivetti e la sede di alcune società a lei riconducibili.