Banca_Marche.jpg

Login

Chi è online

 185 visitatori online

Utenti registrati Online

No
Home Comunità giustiziagiusta Milano: Verminaio giudiziario. Rivolta di magistrati contro il pubblico ministero
Milano: Verminaio giudiziario. Rivolta di magistrati contro il pubblico ministero PDF Stampa E-mail
Venerdì 30 Luglio 2021 17:22

Milano: Verminaio giudiziario. Rivolta di magistrati contro il pubblico ministeroTrema il Palazzo di Giustizia di Milano. È scattata la rivolta al quarto piano, dove ha sede la Procura, contro il "dipartimento reati economici transazionali" diretto dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale. Dopo la raccolta di firme a sostegno del pubblico ministero milanese Paolo Storari, "reo" di aver messo in discussione l'operato dei suoi capi, il procuratore Francesco Greco e la sua vice Laura Pedio, il nuovo terreno di scontro fra le toghe riguarda il processo ai vertici dell'Eni per l'accusa di aver corrotto esponenti del governo della Nigeria per la gestione di un pozzo di petrolio nel golfo di Guinea. Il dipartimento di De Pasquale, secondo una trentina di sostituti procuratori, avrebbe un carico di lavoro nettamente inferiore a quello degli altri dipartimenti della Procura: in proporzione solo 1 a 100. La suddivisione dei fascicoli è stata fatta direttamente dal Procuratore. Oltre a non avere fascicoli, il dipartimento di De Pasquale ha anche un'altra particolarità: è diventato recentemente una fucina di "procuratori europei delegati", i pubblici ministeri della neo costituita Procura europea che dovrebbe perseguire i reati contro gli «interessi finanziari dell'Unione». Dei 14 pm italiani scelti per occuparsi delle frodi al bilancio comunitario e non, come, ad esempio, le truffe sul reddito di cittadinanza, ben tre provengono proprio dal dipartimento di De Pasquale: Gaetano Ruta, Donata Costa, Sergio Spadaro. Quest' ultimo, è tuttora indagato con De Pasquale a Brescia per non aver depositato alcune prove a favore degli imputati nel processo Eni-Nigeria. Una circostanza che sta creando imbarazzo a Lussemburgo dove ha sede la Procura europea. Spadaro, fresco di nomina da parte del Consiglio Superiore della Magistratura per le sue "capacità professionali", rischia di essere "defenestrato" se, come recita il regolamento europeo avesse «commesso una colpa grave». Certamente non una bella figura per l'Italia.

da giustiziagiusta

 

Per aggiungere un commento devi registrarti.

Ultimi commenti

  • Ostra Vetere: Circolano strane voci clamorose sul futuro del Comune

    montenovonostro 05.05.2013 12:48
    Cosa sta succedendo in paese? montenovonostro
     
  • Marche: Ma quanto incassa un burocrate in regione?

    scelpo 05.09.2012 15:55
    Per essere di sinistra guadagna più di trenta pensionati sociali messi insieme. Complimenti che ...
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    capra 02.09.2012 21:26
    Ma del Contidino, no?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    ApiK 01.09.2012 21:30
    Di chi è la colpa se il bove è fuggito?
     
  • Marche: L’Assemblea legislativa aveva approvato misure di contenimento della spesa

    scelpo 31.08.2012 18:13
    Ma non serve chiudere la stalla quando il bove è fuggito.