Catania: “giustiziagiusta” sull’arresto dell’ex deputato Marco Forzese per corruzione all’Ispettorato del lavoro Stampa
Giovedì 03 Maggio 2018 18:37

Catania: “giustiziagiusta” sull’arresto dell’ex deputato Marco Forzese per corruzione all’Ispettorato del lavoroIl giudici per le indagini preliminari del tribunale di Catania ha disposto gli arresti domiciliari per l’ex deputato regionale Marco Forzese, indagato assieme ad altre 8 persone per corruzione. Altre tre persone agli arresti domiciliari e interdetto dalla professione altre cinque sulla base delle indagini della Guardia di finanza, che avrebbe scoperto, all’interno dell’Ispettorato del lavoro, “un quadro corruttivo consolidato e alimentato da uno spregiudicato scambio di favori”. E’ finito ai domiciliari anche l’ex consigliere comunale di Forza Italia Antonino Nicotra, il direttore dell’Ispettorato Domenico Amich e la responsabile legale dell’ufficio Maria Rosa Trovato. I pubblici ufficiali indagati, precedentemente titolari di cariche istituzionali pubbliche e imprenditori, “non hanno esitato a sancire accordi collusivi, sacrificando rilevanti interessi collettivi”. Fascicoli scomparsi, richieste di sanzioni annullate, rateizzazioni al minino in cambio non di soldi, ma di favori: voti dagli imprenditori aiutati, e un soccorso politico alla Regione per ottenere promozioni o assunzioni in strutture pubbliche.

da giustiziagiusta